Italia Markets close in 2 hrs 40 mins
  • FTSE MIB

    19.438,88
    +64,67 (+0,33%)
     
  • Dow Jones

    28.195,42
    -410,89 (-1,44%)
     
  • Nasdaq

    11.478,88
    -192,67 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    40,60
    -0,23 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    10.049,29
    +653,82 (+6,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,42
    +5,75 (+2,46%)
     
  • Oro

    1.907,20
    -4,50 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,1818
    +0,0045 (+0,3782%)
     
  • S&P 500

    3.426,92
    -56,89 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.229,24
    -13,27 (-0,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,9137
    +0,0047 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    1,0721
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5576
    +0,0059 (+0,38%)
     

Italia, saldo commercio extra Ue agosto a 3,27 mld euro - Istat

·2 minuti per la lettura

ROMA (Reuters) - Il saldo del commercio italiano con i Paesi extra Ue a luglio e agosto si amplia rispetto all'anno prima, dice Istat, segnalando che l'export tiene su base trimestrale dopo i difficili mesi del lockdown.

Il saldo italiano ad agosto ammonta a 3,272 miliardi di euro da 3,039 miliardi dello stesso mese 2019. A luglio si è attestato a 6,686 miliardi dal surplus di 5,531 miliardi di un anno prima.

Ad agosto l'import ha mostrato un calo del 16,4% su base annua e l'export dell'11,7%; il mese prima i cali sono stati rispettivamente del 17,5% e dell'8,1%.

"Su base annua, la flessione dell'export si accentua ed è spiegata per 6,6 punti percentuali dal calo delle vendite di beni di consumo non durevoli e beni strumentali", spiega Istat.

L'istituto spiega che "dopo gli aumenti dei mesi precedenti, ad agosto 2020 le vendite verso i paesi extra Ue registrano una lieve diminuzione congiunturale. Su base trimestrale, l'export segna comunque una variazione ampiamente positiva – diffusa a tutti i raggruppamenti, ad eccezione di quello dell'energia – cui contribuisce per oltre la metà l'incremento delle vendite di beni strumentali".

Prosegue la fase di risalita dell'import, "al cui incremento congiunturale contribuisce principalmente il forte aumento degli acquisti di beni intermedi (per oltre 7 punti percentuali). La flessione tendenziale delle importazioni, quasi totalmente determinata dal calo degli acquisti di prodotti energetici, è ancora molto ampia ma in attenuazione".

Di seguito i dati forniti dall'istituto (in mln di euro):

BILANCIA EXTRA UE AGO 20 LUG 20 AGO 19 LUG 19

Saldo 3.272 6.686 3.039 5.531

Import 10.590 14.105 12.665 17.088

Export 13.862 20.791 15.704 22.619

(Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio)