Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    -0,0027 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    26.619,17
    -870,55 (-3,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    649,25
    -27,65 (-4,08%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Italia, settore servizi resta in grave contrazione a dicembre - Pmi

·1 minuto per la lettura
Una bandiera italiana davanti a Piazza Navona a Roma

ROMA (Reuters) - Il settore dei servizi in Italia resta in profondo territorio negativo a dicembre, mancando in modo significativo le aspettative degli analisti, con l'indicatore delle nuove attività che resta ancora ampiamente sotto il livello di ripresa.

Secondo l'ultima indagine, IHS Markit Business Index per il settore servizi si è attestato a dicembre a 39,7 dal 39,4 di novembre, ben al di sotto della soglia di 50 che separa la crescita dalla contrazione. Le chiusure di attività per le misure di contrasto alla pandemia di Covid-19 continuano a pesare sul settore.

La mediana elaborata da Reuters sulle stime di dieci analisti indicava un attesa di 45,3.

Il sotto-indice per le nuove attività del settore è cresciuto a 41,7 dal precedente 37,7, numero che ancora indica una rapida caduta del business.

L'indice del settore dei servizi aveva toccato un minimo record in aprile a 10,8 per il grave impatto del coronavirus. Nei quattro mesi successivi era risalito per poi riprendere a calare tra agosto e ottobre, in seguito alle nuove misure restrittive legale alla seconda ondata di infezioni.

L'indagine IHS Markit sul settore manifatturiero ha invece mostrato lunedì scorso una attività in espansione per il sesto mese di fila, sebbene a un passo meno pronunciato di quanto fosse atteso.

L'indice PMI composito dei responsabili degli acquisti per servizi e manifattura è lievemente salito a dicembre a 43 dal 42,7 di novembre.

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Cristina Carlevaro)