Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    36.914,76
    -2.959,84 (-7,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8667
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5380
    +0,0036 (+0,24%)
     

Italia, settore servizi si contrae meno di attese a gennaio – Pmi

·1 minuto per la lettura
Una bandiera italiana a Piazza Navona, a Roma

ROMA (Reuters) - Il settore dei servizi in Italia si contrae per il sesto mese consecutivo a gennaio ma a un ritmo meno intenso rispetto alle attese.

Secondo l'ultima indagine, l’indice IHS Markit per il settore servizi si è attestato a gennaio a 44,7 dal 39,7 di dicembre, ben al di sotto della soglia di 50 che separa la crescita dalla contrazione, mentre le misure anti-Covid continuano a pesare sul settore.

La mediana elaborata da Reuters sulle stime di 18 analisti indicava un’attesa di 39,5.

Il sotto-indice per le nuove attività del settore è cresciuto a 45,4 dal precedente 41,7.

L'indice del settore dei servizi aveva toccato un minimo record in aprile a 10,8 per il grave impatto del coronavirus. Nei tre mesi successivi era risalito per poi riprendere a calare ad agosto in seguito alle nuove misure restrittive legate alla seconda ondata di infezioni.

L'indagine His Markit sul settore manifatturiero ha mostrato lunedì scorso una attività in espansione per il settimo mese di fila a gennaio e a un ritmo più pronunciato rispetto al mese prima.

L'indice Pmi composito dei responsabili degli acquisti per servizi e manifattura è salito a gennaio a 47,2 da 43 di dicembre.

(Angelo Amante, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)