Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.673,26
    -127,34 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.820,99
    -79,20 (-0,57%)
     
  • Nikkei 225

    29.538,73
    -229,33 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    50.455,87
    -292,27 (-0,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.283,89
    -10,69 (-0,83%)
     
  • HANG SENG

    28.453,28
    -245,52 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    4.118,75
    -10,05 (-0,24%)
     

In Italia si diventa top manager prima, ma ci sono gli Ad più vecchi

·1 minuto per la lettura

AGI - In Italia il 25% degli amministratori delegati riesce a raggiungere il proprio ruolo prima dei 45 anni, con un dato che supera di tre punti la media internazionale. A evidenziarlo una ricerca realizzata dalla società Heidrick e Struggles che sottolinea come invece l'età media si attesti intorno ai 58 anni, sopra al dato planetario che si attesta a 56.

Sul fronte dei giovani manager, spiega lo studio, "il risultato italiano non è lontano dai paesi guida del continente ed è frutto di un cambio generazionale che investe soprattutto i ruoli più esposti alla fluidità del contesto di mercato tra quelli di guida delle aziende: sono infatti più di 50 i giovani top manager del Ftse Mib che hanno meno di 45 anni".

Fra gli esempi citati dal gruppo gli amministratori delegati di Exor e Snam, John Elkann e Marco Alverà, il Cfo di Unicredit Stefano Porro e la più giovane del listino, ossia Enrica Marra, Chief Risk Officer di Atlantia a 34 anni.

"La presenza di generazioni più giovani nei ruoli apicali più esposti al nuovo mercato, seppure non ancora in quelli di Ad, fanno presagire una possibile accelerazione imminente del ricambio generazionale e un'apertura sempre maggiore dei giovani nei vertici aziendali, considerato anche che il 65% delle posizioni di responsabilità viene reclutato proprio all'interno delle aziende".

Guardando alle quote rosa del management italiano, "i segnali sono sempre insufficienti ma in leggero miglioramento": le posizioni manageriali apicali delle società quotate presentano una rappresentanza femminile al 14% delle strutture quotate, di cui il 18% under 45. Salendo ai vertici, pur con numeri ancora contenuti, la quota di donne italiane Ad è del 5%, proprio come la media del resto del mondo, fatta eccezione per l'Irlanda che raggiunge il 15%.