Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.968,84
    -112,29 (-0,43%)
     
  • Dow Jones

    34.798,00
    +33,18 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.047,70
    -4,54 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    30.248,81
    +609,41 (+2,06%)
     
  • Petrolio

    73,95
    +0,65 (+0,89%)
     
  • BTC-EUR

    36.392,71
    +1.049,39 (+2,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.067,20
    -35,86 (-3,25%)
     
  • Oro

    1.750,60
    +0,80 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1718
    -0,0029 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    4.455,48
    +6,50 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    24.192,16
    -318,82 (-1,30%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.158,51
    -36,41 (-0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8572
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0833
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4827
    -0,0028 (-0,19%)
     

Italia studia riforma bolletta elettrica per far fronte a balzo costi energia - fonti

·2 minuto per la lettura
Diverse torri elettriche a Milano

di Stephen Jewkes

MILANO (Reuters) - L'Italia sta cercando di rivedere il modo in cui vengono calcolate le bollette dell'elettricità nel tentativo di contenere i prezzi in un momento in cui i costi dell'energia stanno salendo, secondo quanto riferito da due fonti vicine alla situazione.

Il ministro della transizione energetica Roberto Cingolani ha detto ieri che i prezzi dell'energia al dettaglio in Italia aumenteranno del 40% nel prossimo trimestre, trainati dal rincaro dei prezzi internazionali del gas e dai costi dei permessi sulle emissioni di carbonio.

L'aumento dei prezzi, se confermato dal regolatore che fissa i prezzi dell'elettricità nel mercato retail non liberalizzato ogni tre mesi, segue un aumento del 9,9% nel secondo trimestre.

L'incremento sarebbe stato del 20% circa se il governo non avesse iniettato 1,2 miliardi di euro di risorse per tagliare i cosiddetti "oneri di sistema".

Un rincaro del 40% delle bollette elettriche porterebbe a un aumento dei costi per le famiglie di 1.300 euro all'anno, secondo l'associazione consumatori Assoutenti.

La riforma è prevista quest'anno, dice una delle fonti.

Secondo Davide Tabarelli, numero uno di Nomisma Energia, eliminare i costi di sistema dalle bollette dei consumatori finali potrebbe compensare gli aumenti dei prezzi innescati dai costi delle materie prime che, ha detto, sono "destinati a continuare a salire".

"Ma non sarà facile perché molte di queste voci sono legate all'energia", ha sottolineato.

I costi di sistema, che includono voci come le spese generali per coprire gli incentivi alle energie rinnovabili e la sicurezza nucleare, rappresentano in media più del 20% della bolletta finale degli italiani.

Nella revisione trimestrale, il regolatore dell'energia fissa i prezzi per i consumatori sul mercato retail non liberalizzato, circa un terzo del totale. L'Italia sta cercando di completare la liberalizzazione del mercato dell'energia retail nel 2023.

La mossa di Roma arriva mentre i governi di tutta Europa sono sotto pressione per ridurre le bollette elettriche, in modo da aiutare le famiglie e le piccole imprese mentre le economie emergono lentamente dalla pandemia.

Ieri, il primo ministro spagnolo Pietro Sanchez ha detto che la Spagna stabilirà un tetto per i prezzi del gas, taglierà le tasse e reindirizzerà i profitti delle compagnie energetiche nell'ambito di un pacchetto per ridurre l'impennata dei costi dell'elettricità.

La domanda elevata di gas naturale, le forniture limitate e i permessi di emissione più costosi hanno fatto impennare il costo dell'energia in molti paesi, con i prezzi 'forward' che indicano che difficilmente il problema sarà risolto prima dell'inverno.

(Tradotto da Agnese Stracquadanio in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli