Italia Markets closed

Italia ultima in Ue per donne al lavoro. Bankitalia: "Includerle decisivo per crescita"

HuffPost

“Per l’Italia la crescita potenziale prevista per i prossimi anni dipenderà fortemente dalle ipotesi circa la partecipazione femminile, che ne risulta essere un motore fondamentale”. Lo ha detto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, al convegno ‘Gender Gaps in the Italian economy and the role of public policy’.

Visco ha ricordato che la partecipazione femminile, con 8 milioni di donne inattive, rileva in termini quantitativi ma anche qualitativi, dato che “le donne hanno livelli d’istruzione elevati”, competenze e abilità spiccate in settori cruciali, come comunicazione e rapporti interpersonali.

“Il raggiungimento della parità di genere nel mercato del lavoro è ancora lontano - ha sottolineato Visco - In Italia il tasso di partecipazione femminile registrato nel 2018, pari al 56 per cento, è il più basso tra i 28 paesi dell’Unione europea. Il divario rispetto alla partecipazione maschile, storicamente elevato, resta ampio anche nelle coorti più giovani: è pari a circa 17 punti percentuali nella fascia di età 25-34 anni, solo due punti in meno del differenziale osservato per il totale della popolazione in età lavorativa. Le donne, inoltre, guadagnano significativamente meno degli uomini e hanno maggiori difficoltà a raggiungere posizioni apicali sia nel settore privato sia in quello pubblico. La ridotta partecipazione delle donne al mercato del lavoro ha importanti implicazioni
per la crescita economica. Vi è consenso nel ritenere che, se la partecipazione femminile raggiungesse i livelli di quella maschile in ogni paese, ne conseguirebbe una notevole espansione del prodotto globale. Stime recenti suggeriscono che la rimozione delle barriere all’accesso all’istruzione e al mercato del lavoro per le donne spieghi, negli Stati Uniti, oltre un terzo della crescita del reddito pro capite registrata tra il 1960 e il 2010. Per l’Italia la crescita potenziale prevista per i prossimi anni dipende fortemente dalle ipotesi circa...

Continua a leggere su HuffPost