Italia markets close in 2 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    24.338,85
    -114,08 (-0,47%)
     
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • Petrolio

    64,65
    -1,43 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    41.437,38
    -5.403,52 (-11,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.357,90
    -205,93 (-13,17%)
     
  • Oro

    1.815,80
    -7,00 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2090
    +0,0015 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,43
    +1,37 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0020 (+0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0962
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4659
    +0,0017 (+0,12%)
     

Italia, UniCredit stima Pil 2021 a +3,4%, 2022 a +4,4%

·1 minuto per la lettura
La facciata di palazzo Chigi illuminata con i colori della bandiera italiana

ROMA (Reuters) - Il Pil italiano crescerà del 3,4% quest'anno e del 4,4% nel 2022, secondo stime UniCredit.

Lo si legge in una nota, nella quale un'analista della banca avverte che il dato per il 2021 potrebbe essere rivisto al rialzo, "data la modesta contrazione dell'economia italiana nel primo trimestre dell'anno e l'incremento oltre le attese degli stimoli fiscali".

Secondo dati preliminari resi noti da Istat questa mattina, il Pil italiano ha subìto un nuovo ribasso congiunturale nel primo trimestre dell'anno, con le restrizioni anti-Covid che hanno pesato in maniera marcata sul settore dei servizi. Il calo su trimestre è stato pari allo 0,4%, quello su anno all'1,4% contro un consensus Reuters a -0,5% e -1,6% rispettivamente.

Con la campagna di vaccinazione che prosegue a buon ritmo e le misure di contenimento che saranno gradualmente allentate a partire da maggio, UniCredit si aspetta che la ripresa sia graduale nel secondo trimestre e che si rafforzi nei tre mesi successivi.

Il governo stima una crescita quest'anno del 4,5%, dopo la flessione dell'8,9% registrata nel 2020. Per Banca d'Italia un Pil in rialzo di oltre il 4% nel 2021 è plausibile. Secondo Ref, il Pil registrerà incrementi superiori al 4% sia quest'anno che il prossimo.

La variazione acquisita per il Pil nel 2021 è pari a +1,9%, ha ricordato stamani Istat.

(Valentina Consiglio, in redazione a Milano Sabina Suzzi)