Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 3 hours 51 minutes
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.719,35
    -227,58 (-0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,0861
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.437,44
    -1.179,19 (-1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.524,64
    +36,10 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    19.282,46
    +61,84 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Italia, vendite dettaglio piatte su mese a marzo

Vista di Milano

ROMA (Reuters) - Dopo il lieve aumento registrato a febbraio, le vendite al dettaglio italiane registrano a marzo un andamento congiunturale stagnante in valore e un marginale calo in volume.

Stando ai dati diffusi questa mattina da Istat, nel mese osservato l'indice complessivo delle vendite in valore è rimasto piatto su mese dopo il +0,1% di febbraio. A perimetro annuo si evidenzia un'espansione del 2,0% rispetto al +2,4% del mese prima.

In volume, le vendite flettono dello 0,1% congiunturale e salgono dello 0,3% tendenziale, dopo aumenti rispettivamente dello 0,2% e dello 0,5% (rivisti) a febbraio.

A livello annuo, spiega Istat in una nota, la crescita sia in valore sia in volume è "determinata dalle vendite dei beni alimentari, che risentono in misura significativa della differente collocazione della Pasqua, la quale quest'anno è caduta nel mese di marzo mentre nel 2023 si collocava ad aprile".

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Su base congiunturale, nel mese in esame, sono in frazionale aumento le vendite dei beni alimentari (+0,2% in valore e +0,1% in volume) mentre quelle dei beni non alimentari sono in diminuzione (-0,3% in valore e in volume).

Nel primo trimestre del 2024, sempre in termini congiunturali, le vendite sono stazionarie in valore e subiscono una flessione in volume (-0,4%).

Rispetto a marzo 2023, il valore delle vendite è in crescita solo per la grande distribuzione (+6,1%), mentre risulta in calo per le imprese operanti su piccole superfici (-1,5%), le vendite al di fuori dei negozi (-2,6%) e il commercio elettronico (-2,4%).

I dati non sono aggiustati sulla base dell'inflazione. L'indice Nic a marzo si è attestato all'1,2% annuo.

(Valentina Consiglio, editing Antonella Cinelli)