Italia markets closed
  • Dow Jones

    32.869,20
    +65,73 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    12.663,09
    +5,54 (+0,04%)
     
  • Nikkei 225

    28.249,24
    +73,37 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,0208
    +0,0021 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    23.464,56
    +528,21 (+2,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    557,62
    +14,74 (+2,72%)
     
  • HANG SENG

    20.045,77
    -156,17 (-0,77%)
     
  • S&P 500

    4.145,79
    +0,60 (+0,01%)
     

Italian Challenge Open a Johannessen. Terzo Scalise

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 lug. (askanews) - Il norvegese Kristian Krogh Johannessen ha vinto con 273 (66 69 71 67, -11) colpi l'Italian Challenge Open superando con un par alla prima buca di playoff il danese Oliver Hundeboll (273 - 68 67 71 67, -11) con il quale aveva chiuso alla pari il torneo.

Sul percorso del Golf Nazionale (par 71) a Sutri (Viterbo), di ottima caratura tecnica e qualitativa, nel quarto appuntamento dell'Italian Pro Tour 2022, inserito anche nel calendario del Challenge Tour, è stato grande protagonista Lorenzo Scalise, sotto gli occhi di Franco Chimenti, Presidente della Federazione Italiana Golf, che ha seguito la gara, con particolare attenzione per i giocatori azzurri, sin dal primo giro. Il brianzolo per un solo colpo non è entrato nello spareggio, dopo aver effettuato una strepitosa rimonta finale che lo ha portato dal 28° al terzo posto con 274 (70 66 74 64, -10), grazie a un 64 (-7) miglior parziale di giornata frutto di sette birdie. Gli resta sicuramente il rammarico di quel triplo bogey alla buca 14 nel corso del terzo round, forse l'unica che ha sbagliato in tutto l'evento, e che di fatto gli ha precluso la possibilità di poter arrivare al titolo. Con l'ottimo piazzamento, il migliore del 2022 al momento, ha fatto un bel passo in avanti, da 41° a 18°, nella Road To Mallorca (ordine di merito) che a fine stagione porta sul DP World Tour, obiettivo primario del 27enne di Vimercate, il quale nel 2019 giunse secondo in questo evento.

Buon giro conclusivo anche di Luca Cianchetti, che con un 67 (-4, un eagle, quattro birdie, due bogey) e il punteggio di 279 (74 68 70 67, -5) è salito dalla 43ª alla 21ª piazza. In 45ª con 284 (75 66 74 69, par) Enrico Di Nitto e in 55ª con 287 (69 73 73 72, +3) Filippo Bergamaschi.

Kristian Krogh Johannessen, 27enne di Drammen, ha ottenuto il primo titolo sul circuito, ma è potuto arrivare al playoff per un doppio bogey dello svizzero Benjamin Rusch alla buca 18, il quale era in vantaggio di un colpo sugli avversari e che ha poi chiuso alla pari con Scalise. Lineare Johannessen, pronto a sfruttare le occasioni favorevoli senza cercare avventure e che ha girato un 67 (-4) con quattro birdie senza bogey. Il norvegese ha saputo sfruttare le esitazioni di Hundeboll, il quale si è portato al comando a velocità doppia fino alla buca 11 (sei colpi sotto par) per poi cedere clamorosamente. Dopo un eagle e cinque birdie, contro un bogey ha proseguito con un birdie, un bogey e un doppio bogey perdendo la leadership solitaria. Poi alla buca supplementare ha sbagliato tutto ed è stato doppio bogey. Ha ceduto il tedesco Freddy Schott, per tre turni al vertice e poi sceso al quinto posto con 275 (-9). dopo un 71 (par), dove ha avuto la compagnia degli svedesi Joakim Wikstrom e Christopher Feldborg Nielsen, dell'inglese Jamie Rutherford e del nordirlandese Tom McKibbin. Al vincitore è andato un assegno di 56.000 euro su un montepremi di 350.000 euro) -

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli