Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.994,68
    -443,58 (-1,41%)
     
  • Nasdaq

    11.214,96
    -309,59 (-2,69%)
     
  • Nikkei 225

    27.049,47
    +178,20 (+0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,0526
    -0,0060 (-0,57%)
     
  • BTC-EUR

    19.300,96
    -591,91 (-2,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    441,69
    -8,37 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    22.418,97
    +189,45 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    3.829,57
    -70,54 (-1,81%)
     

Italiani pessimisti, 1 su 2 vede nero su futuro

(Adnkronos) - Parola d’ordine: incertezza. Il Covid lascia un segno profondo sulle aspettative di vita futura degli italiani: per 1 su 2 (48%) il prossimo decennio sarà caratterizzato da instabilità e precarietà. E' questa la fotografia che emerge da una ricerca Bva-Doxa condotta per Groupama Assicurazioni in occasione della II edizione dell’Osservatorio 'Change Lab, Italia 2030' per indagare sulle aspettative post pandemia e guerra degli italiani al 2030.

Una sensazione generale di precarietà che si acuisce maggiormente nelle donne (52%). Inoltre tale percezioni vengono amplificate ulteriormente dalla guerra russa- ucraina accentuando la sensazione generale di instabilità in 6 italiani su 10 (60%).

L’insorgenza di nuovi conflitti internazionali in grado di coinvolgere direttamente l’Italia è infatti oggi una delle maggiori preoccupazioni che spaventano i nostri connazionali (57%), terrorizzati anche dall’idea di poter perdere i propri cari (39%), avere gravi problemi di salute (36%) o non riuscire a mantenere economicamente la propria famiglia e i figli (33%) e perdere i propri risparmi (28%). A temere su questi fronti soprattutto le famiglie con figli piccoli (52%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli