Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.940,80
    -329,29 (-1,05%)
     
  • Nasdaq

    12.782,88
    -214,87 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1977
    -0,0090 (-0,74%)
     
  • BTC-EUR

    40.309,69
    -2.927,25 (-6,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    967,31
    -19,90 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.778,41
    -41,31 (-1,08%)
     

Italvolt, ex polo Olivetti di Scarmagno in pole per gigafactory

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 17 feb. (askanews) - Prende corpo il progetto di Gigafactory di Italvolt per le batterie per la auto elettriche che l'imprenditore Lars Calstrom vuole realizzare in Italia con un investimento di 4 mld e la prospettiva di 4mila posti di lavoro che salgono a 10mila con l'indotto. Secondo indiscrezioni sarebbe imminente l'annuncio della location, che potrebbe essere Scarmagno, nel Canavese in Provincia di Torino, in lizza insieme ad altri due o tre siti. Lì infatti sorge l'ex polo Olivetti oggi praticamente dismesso ma dove fino a metà degli anni 90 si producevano pc.

L'imprenditore Lars Calstrom si trova in Italia e lunedì 15 febbraio ha incontrato le istituzioni del territorio fra cui il sindaco di Scarmagno, Adriano Grassino. "Noi ci speriamo, sarebbe un bene per il nostro territorio, per il Piemonte e per il paese. Saremmo davvero contenti se venisse qui", ha detto ad Askanews Grassino. Il primo cittadino ha descritto Calstrom come un imprenditore che "sa quello che dice e che vuole. Mi ha fatto una buona impressione, è una persona alla mano".

L'ex area Olivetti che si estende su 865mila mq di cui 143mila edificati è oggi di Prelios che starebbe già trattando con Italvolt i termini della vendita. La Gigafactory di Italvolt, dell'imprenditore Lars Carlstorm occuperà una superficie di 300.000 mq e avrà una capacità iniziale di 45 GWh, che potrà raggiungere i 70 GWh. La prima fase del progetto sarà completata entro la primavera 2024.