Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.325,74
    +334,46 (+0,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Italvolt farà prima Gigafactory in Italia, 4 mld investimenti

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 feb. (askanews) - Italvolt realizzerà la prima Gigafactory in Italia, la più grande in Europa e la dodicesima al mondo per dimensione, con un investimento di 4 miliardi di euro e la creazione di 4mila posti di lavoro, 10mila con l'indotto. La Gigafactory di Italvolt, dell'imprenditore Lars Carlstorm già fondatore e azionista di Britishvolt, occuperà una superficie di 300.000 mq e avrà una capacità iniziale di 45 GWh, che potrà raggiungere i 70 GWh. La prima fase del progetto sarà completata entro la primavera 2024.

Il primo step prevede l'individuazione dell'area dove verrà costruito l'impianto, al termine dell'analisi in corso su alcuni siti selezionati. Il nuovo impianto è pensato per far fronte alla crescente domanda di batterie in Europa, soprattutto dall'automotive. Entro il 2030, secondo da Mckinsey, la domanda globale aumenterà di 17 volte fino a circa 3.600 gigawatt (GWh), con una previsione di richiesta da parte dell'Unione europea di 565 GWh, dietro solo alla Cina, con un fabbisogno previsto di 1.548 GWh.

Il gigaplant di Italvolt sarà progettato dalla divisione Architettura di Pininfarina, con una forte attenzione all'impatto ambientale e sociale. Comau invece sarà il fornitore degli impianti e delle tecnologie. Inoltre Comau si occuperà della realizzazione del laboratorio di Ricerca e Sviluppo aperto ad accademici e partner industriali per lo sviluppo della mobilità elettrica.

"Credo fortemente che il nostro team di ingegneri e tecnici altamente qualificati potrà realizzare la produzione di batterie più ecologica non solo in Europa, ma in tutto il mondo. Il nostro obiettivo è assicurare il futuro dell'industria automobilistica e garantire che la catena di approvvigionamento sia il più green possibile, dall'inizio alla fine. L'impatto socio-economico che la nuova industrializzazione verde porta con sé rappresenterà una svolta per il mondo", ha dichiarato Lars Carlstrom, Ceo e fondatore di Italvolt.