Italia markets open in 7 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,93 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,33 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.311,30
    +190,80 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    0,9792
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • BTC-EUR

    20.377,12
    -349,93 (-1,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,11
    -7,01 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,82 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Iva al 22% per manutenzione su immobili residenziali privati: il caso

(Adnkronos) - La Corte di giustizia europea fa chiarezza sull’interpretazione della Direttiva Iva 2006/112/CE ed esclude l’Iva al 10% per i servizi di manutenzione su immobili privati.

Il caso è stato sollevato dal Fisco portoghese nell’ambito di una controversia sull'applicazione dell'aliquota Iva ai servizi di riparazione e manutenzione di ascensori (causa C-218/2021) da parte di un’impresa che fabbrica ascensori e montacarichi e fornisce la successiva assistenza.

In seguito a un accertamento fiscale, l’Agenzia Tributaria portoghese ha rilevato che l’impresa ha applicato erroneamente l'aliquota ridotta del 10% sia per i servizi di installazione sia per quelli di manutenzione.

Nella sentenza del 5 maggio 2022, la Corte ha messo in evidenza la differenza tra i concetti di “ristrutturazione", "riparazione" e "manutenzione", circoscrivendo così l’ambito di applicazione dell’Iva agevolata. Nello specifico la Corte ha specificato che:

- il servizio di ristrutturazione si riferisce alla rimessa a nuovo “occasionale” di un oggetto;

- il servizio di riparazione si riferisce al ripristino “occasionale” di un oggetto danneggiato;

- la manutenzione rappresenta un servizio regolare e continuativo.

Secondo la Corte, la caratteristica di continuità degli interventi di manutenzione esclude tale servizio dalla previsione normativa di Iva agevolata (al 10%) concessa per la sola ristrutturazione e riparazione di abitazioni private.

Cosa prevede la norma italiana?

In Italia, la legge finanziaria 2000 (L. 488/199, art. 7, lett. b, l) consente di applicare l’Iva al 10% per le prestazioni di servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata. La Corte di giustizia potrebbe dunque costringere il legislatore nazionale a recepire l’interpretazione presa nella causa portoghese.