Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.741,93
    +1.395,90 (+3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

J&J alza stime utili 2021, conferma outolook vendite vaccino

·2 minuto per la lettura
Gli uffici della società Johnson & Johnson a Irvine, California

(Reuters) - Johnson & Johnson ha aumentato le previsioni di utile rettificato per il 2021, ma ha lasciato invariato il target relativo alle vendite del vaccino anti-covid a 2,5 miliardi di dollari per l'anno in corso.

Il titolo della casa farmaceutica è salito dell'1,4% negli scambi premarket dopo che gli utili del terzo trimestre hanno superato le attese di Wall Street e che l'azienda ha rivisto al rialzo le previsioni di utile rettificato in un range tra i 9,77 e i 9,82 dollari per azione, a fronte di stime precedenti di 9,60-9,70 dollari ad azione.

Negli scorsi mesi la casa farmaceutica ha riscontrato significativi problemi di produzione del vaccino contro il coronavirus quando uno stabilimento di Baltimora ha reso inutilizzabili milioni di dosi del preparato, causando ritardi nella distribuzione.

J&J aveva detto a luglio che prevedeva di produrre tra i 500 e i 600 milioni di dosi del composto a dose singola quest'anno, rivendendo le stime al ribasso rispetto all'obiettivo iniziale di un miliardo di dosi per il 2021.

Le vendite dei medicinali per il cancro e malattie immunitarie hanno contribuito all'aumento del 13,8% delle vendite totali della divisione farmaceutica a circa 13 miliardi di dollari. Il vaccino anticovid ha contribuito in maniera soltanto marginale alle vendite.

I ricavi della divisione che si occupa di apparecchiature mediche sono saliti dell'8% a 6,64 miliardi di dollari nel terzo trimestre, con la riprese delle operazioni chirurgiche a fianchi e ginocchia e di altri interventi non urgenti che hanno contribuito a bilanciare il calo provocato dalla scarsa domanda di apparecchiature mediche utilizzate nello sport e nelle operazioni che riguardano la colonna vertebrale.

Escludendo le poste non ricorrenti, J&J ha guadagnato 2,60 dollari per azione, superando le attese di 2,35 dollari per azione. Tuttavia le vendite, pari a 2,33 miliardi di dollari sono state inferiori alle stime di 2,37 miliardi.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Andrea Mandalà michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli