Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.195,81
    +7,43 (+0,02%)
     
  • Nasdaq

    13.523,32
    +66,07 (+0,49%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2158
    +0,0043 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    26.176,75
    -2.673,90 (-9,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    629,53
    -50,37 (-7,41%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,89
    +2,04 (+0,05%)
     

Jack Dorsey: "Giusto bloccare Trump su Twitter, ma è un precedente pericoloso"

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
Dorsey/Trump (Photo: Ansa/Getty)
Dorsey/Trump (Photo: Ansa/Getty)

La decisione di ‘sospendere definitivamente’ l’account personale su Twitter di Donald Trump è stata la scelta “giusta”, ma rappresenta un “fallimento” e costituisce un “precedente”, che è “pericoloso”. Così su Twitter il fondatore della piattaforma, Jack Dorsey, che ha scritto di “non festeggiare né andare fiero” della decisione di “mettere al bando @realDonaldTrump” dopo i fatti del 6 gennaio a Washington.

È “un fallimento da parte nostra nel promuovere un discorso sano” e “dover prendere” queste misure “frammenta il discorso pubblico”. “Ci dividono - incalza dopo che il presidente americano è stato messo sotto accusa per la seconda volta con l’approvazione dell’impeachment alla Camera - limitano il potenziale per un chiarimento, un riscatto, per imparare. E costituiscono un precedente che ritengo pericoloso: il potere che un individuo o un’azienda ha su una parte del discorso pubblico globale”.

Il patron di Twitter rivendica come l’equilibrio di potere sia stato rispettato dal momento che “se le persone non sono d’accordo con le nostre regole possono semplicemente rivolgersi a un altro servizio”. Ma, prosegue, “questo concetto è stato rimesso in discussione la settimana scorsa quando un certo numero di fornitori di strumenti Internet fondamentali hanno deciso di non ospitare più quello che ritenevano pericoloso”. Dorsey scrive di non credere ci sia stato un coordinamento: “Più probabilmente le società sono arrivate alle proprie conclusioni o sono state spinte dalle azioni di altri”. E, insiste, “dobbiamo tutti esaminare le contraddizioni della nostra politica e della sua attuazione, dobbiamo pensare a come il nostro servizio possa incentivare follie e danni, c’è bisogno di mag...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.