Italia Markets open in 7 hrs 22 mins
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.664,29
    +498,70 (+1,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1902
    +0,0006 (+0,0476%)
     
  • BTC-EUR

    16.084,08
    +13,56 (+0,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,62
    +10,87 (+2,94%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Juve: Alex Sandro fuori un mese, ma la carta De Ligt può cambiare la difesa

Emanuele Tramacere
·1 minuto per la lettura

L'infermeria si sta lentamente svuotando per Andrea Pirlo che nel corso della conferenza stampa di oggi ha fatto il punto sullo stato di salute della sua squadra in vista della sfida contro il Verona e, successivamente, contro il Barcellona di Champions League. Una brutta notizia c'è, aspettando l'esito del tampone di Ronaldo, e riguarda i tempi di recupero di Alex Sandro, ancora lunghi e che costringeranno l'allenatore della Juventus a ridisegnare costantemente la propria fase difensiva.

LA CONFERMA DI PIRLO - Servirà infatti almeno un altro mese prima di avere a disposizione l'esterno brasiliano: "A parte Chiellini, gli altri sono tutti a disposizione per giocare. Alex Sandro ha avuto un brutto infortunio ed è ancora un po' indietro; credo che prima della sosta nono possa rientrare. De Ligt sta bene, dobbiamo solo aspettare che il medico ci dia il via libera, ma il ragazzo è pronto per giocare sia fisicamente che mentalmente".

LA CARTA DE LIGT - Proprio il rientro del centrale olandese che di fatto Pirlo non ha mai avuto a disposizione potrebbe però cambiare e non poco lo scacchiere difensivo bianconero. De Ligt accanto a Bonucci e Demiral potrebbe consentire a Pirlo di rilanciare Danilo come esterno di sinistra al posto di Alex Sandro, ma potrebbe anche suggerire un definitivo passaggio ad una linea difensiva a 4, in cui gioca da sempre in carriera, con Danilo adattato a sinistra e Cuadrado terzino destro. Di fatto la Juventus già difende con una sorta di 4-4-2 e con De Ligt Pirlo potrebbe cambiare anche il modo di impostare da dietro. L'olandese è infatti più abituato a giocare la palla fra i piedi rispetto a Chiellini e Demiral alleggerendo il peso sugli esterni. Possibilità, idee, l'infermeria della Juve si svuota.