Italia markets open in 7 hours 55 minutes
  • Dow Jones

    31.176,01
    -12,39 (-0,04%)
     
  • Nasdaq

    13.530,92
    +73,67 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    25.159,31
    -9,09 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    608,80
    -71,11 (-10,46%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,74 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,07
    +1,22 (+0,03%)
     

Juventus, 5 motivi per cui è giusto tenere CR7 fino al 2022

Luca Calzolari
·3 minuto per la lettura

Ronaldo, sempre Ronaldo. La Juventus si aggrappa al suo fuoriclasse e anche contro il Cagliari CR7 ha fatto la differenza, permettendo ai bianconeri di centrare la terza vittoria nelle ultime quattro uscite. Carisma, giocate e soprattutto gol, otto in sei partite. Il portoghese rappresenta il punto di forza, il riferimento per il presente e per il futuro. Almeno fino al 2022. Paratici sabato sera è stato chiaro, c'è volontà di andare avanti insieme, ancora per una stagione e mezza almeno. Giusto così? Ecco 5 motivi per cui è giusto trattenere Cristiano Ronaldo.

1. Obiettivo comune

Chris Brunskill/Fantasista/Getty Images
Chris Brunskill/Fantasista/Getty Images

Andando via dalla Juventus dimostrerebbe a tutto il mondo che ha sbagliato a lasciare il Real Madrid, che non doveva aggiungersi ai bianconeri, quindi che ha fallito, e lui questo sicuramente non lo farà. Lui è venuto in Italia per far vincere la Champions League alla Vecchia Signora. Un taboo da sfatare quello della coppa delle grandi orecchie, e fino a quando il suo fisico gli permetterà di competere ad alti livelli lui ci proverà e ci riproverà, sicuramente non arrendendosi solo dopo due stagioni.

2. Il feeling con Pirlo

Silvia Lore/Getty Images
Silvia Lore/Getty Images

Un altro punto cruciale è l'addio di Sarri e l'arrivo di Pirlo. Ormai risaputa da tutti l'insofferenza di Ronaldo verso Sarri, probabilmente non abbastanza professionale per il campione portoghese. Con Pirlo però le cose cambiano. Stima reciproca tra i due e rapporto che somiglia parecchio a quello avuto con Zidane. Il Maestro gli ha dato piena fiducia e centralità nel progetto e CR7 lo sta ripagando a suon di prestazioni convincenti e gol.

3. Figura da seguire per i giovani

MIGUEL MEDINA/Getty Images
MIGUEL MEDINA/Getty Images

Con il carisma del portoghese i vari De Ligt, Demiral, Frabotta, McKennie, Chiesa e Kulusevski avrebbero un grande esempio da seguire, tutti giorni alla Continassa, agevolando quel ricambio generazionale che tanto viene ricercato dai vertici del club. Avere all'interno dello spogliatoio una figura come Cristiano dà una maggiore consapevolezza nei propri mezzi a tutta la squadra, come è successo nel Milan con Ibrahimovic.

4. Fattore economico

DeFodi Images/Getty Images
DeFodi Images/Getty Images

L'acquisto di Ronaldo è stato frutto di un colpo di genio di Paratici ed è infatti stato ribattezzato come "il colpo del secolo". Il portoghese percepisce uno stipendio annuo monstre, 30 milioni a stagione, e in questo periodo non sembrano esserci squadre in grado di permettersi un acquisto così oneroso.

5. Record

Valerio Pennicino/Getty Images
Valerio Pennicino/Getty Images

Cristiano sembra essersi ambientato alla grande in Serie A e ogni anno i suoi numeri lievitano paurosamente. Il campionato italiano sembra essere l'ambiente perfetto per raggiungere Pelè, Romario e Bican nella classifica dei migliori bomber della storia del calcio. Questo e tanti altri record sono nel mirino del portoghese, che ha ancora fame di vincere. La Juventus ha ormai imparato a conoscerlo e non può di certo privarsi di un giocatore che non ama per niente la sconfitta.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.