Italia markets open in 1 hour 32 minutes
  • Dow Jones

    34.086,04
    +368,95 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    11.584,55
    +190,74 (+1,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0877
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    21.251,35
    +111,54 (+0,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    524,33
    +5,54 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    22.009,72
    +167,39 (+0,77%)
     
  • S&P 500

    4.076,60
    +58,83 (+1,46%)
     

Juventus, procura Figc chiede penalizzazione nove punti per plusvalenze

Il logo della Juventus su una bandiera italiana allo Juventus Stadium di Torino

ROMA (Reuters) - Un procuratore della Figc ha chiesto una penalizzazione di nove punti per la Juventus in Serie A nell'ambito del processo sulle plusvalenze nei trasferimenti dei calciatori.

La richiesta è stata avanzata nel corso di un'udienza oggi, in cui è stato esaminato il modo in cui il club bianconero e altre squadre hanno gestito gli scambi di giocatori.

Una fonte vicina alla questione ha confermato quanto riferito dai media italiani in merito a una richiesta di una penalizzazione di punti per la Juventus. Gli altri club coinvolti non sarebbero invece puniti con la stessa severità.

La Juventus è attualmente terza in Serie A, a 10 punti dalla capolista Napoli dopo 18 partite.

Giuseppe Chiné, procuratore Figc, ha anche chiesto che l'ex presidente della Juventus Andrea Agnelli sia interdetto dalle cariche nel calcio italiano per 16 mesi. Chiesta l'interdizione di 20 mesi per Fabio Paratici, ex direttore sportivo del club.

Paratici è ora direttore sportivo del Tottenham Hotspur, club della Premier League inglese.

La Juventus ha negato di aver commesso illeciti e ha detto che la contabilità del gruppo era in linea con gli standard del settore.

I bianconeri e gli altri club presenteranno la loro difesa oggi prima che il tribunale del calcio decida il suo verdetto.

Al centro della questione le plusvalenze derivanti dal trasferimento di un calciatore che influenzano direttamente i conti del club, mentre il costo dell'acquisto può essere spalmato su tutta la durata del contratto, creando così la possibilità di gonfiare i bilanci con valutazioni esagerate.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)