Italia markets close in 3 hours 32 minutes
  • FTSE MIB

    24.220,34
    -232,59 (-0,95%)
     
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • Petrolio

    64,61
    -1,47 (-2,22%)
     
  • BTC-EUR

    41.249,38
    -5.840,65 (-12,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.344,85
    -218,98 (-14,00%)
     
  • Oro

    1.815,10
    -7,70 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,2083
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,43
    +1,37 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8608
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0961
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4659
    +0,0016 (+0,11%)
     

Kansas City Southern: Canadian National Railway presenta offerta migliore di Canadian Pacific. Titolo boom +20%

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Titoli degli operatori ferroviari del Nord America in fermento: le quotazioni di Kansas City Southern balzano del 19% a Wall Street dopo che Canadian National Railway (CNI) ha presentato un'offerta di $325 per azioni in cash e azioni per l'operatore ferroviario, superando la proposta di $275 per azioni presentata il mese scorso da Canadian Pacific (CP). L'offerta totale di Canadian National Railway per l'acquisto di Kansas City Southern ha un valore di $33,7 miliardi, superiore a quello della rivale Canadian Pacific. La proposta per azione di $325 rappresenta inoltre un premio del 26,8% rispetto al valore a cui il titolo Kansas City Southern ha chiuso la seduta di ieri. Ancora, l'offerta di Canadian National Railway include 200 dollari per azione in contanti, rispetto alla componente in cash di $90 presentata da Canadian Pacific offer. Canadian National cede quasi l'8% in premercato, mentre Canadian Pacific sale di oltre +1%. Quest'ultima aveva puntato su Kansas City Souther per creare la prima rete ferroviaria che collegherebbe gli Stati Uniti, il Messico e il Canada, che beneficerebbe della ripresa del commercio dell'era post Covid-19.