Italia markets open in 8 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • EUR/USD

    1,0160
    -0,0098 (-0,95%)
     
  • BTC-EUR

    23.713,23
    -393,55 (-1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,41
    -19,35 (-3,28%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     

L’8 e 9 luglio a Milano si terranno Stati generali sulla cannabis

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 giu. (askanews) - I prossimi 8 e 9 luglio si terranno a Milano gli "Stati generali sulla cannabis", una due giorni di dibattiti, convegni e testimonianze a supporto della legalizzazione della cannabis in Italia. L'iniziativa è stata annunciata oggi al Consiglio comunale del capoluogo lombardo, da Daniele Nahum, consigliere PD e vicepresidente della sottocommissione "Carceri" del Comune, spiegando che i principali aspetti che saranno affrontati nel corso della due giorni organizzata in via Senato 14 saranno criminalità organizzata-mafie, sovraffollamento delle carceri, aspetto terapeutico e ricadute economiche.

"All'inizio dei lavori ci sarà una maratona oratoria con importanti esponenti del mondo politico soprattutto di centrosinistra ma non solo, mentre il giorno successivo tratteremo i principali aspetti del fallimento del proibizionismo, sia da un punto di vista sociale che economico, dove ci sarà un panel sulle carceri (alla presenza dei direttori di San Vittore, Opera e Bollate), uno sulla criminalità organizzata dove interverrà Federico Varese (uno dei massimi esperti a livello mondiale di mafie), poi parleremo anche della marijuana terapeutica con medici, pazienti e farmacisti e faremo un evento conclusivo alla presenza di Peppe Provenzano, vicesegretario del Partito Democratico" ha annunciato Nahum, aggiungendo che "questo evento si rende ancora più necessario visti gli effetti devastanti delle politiche sulle droghe: sono 16mila i detenuti nelle nostre carceri per reati connessi alla cannabis (il 30% dei detenuti), le mafie guadagnano 7 miliardi ogni anno grazie al proibizionismo, e noi vogliamo sottrargli questo guadagno e permettere che si sviluppi un sano comparto economico legale che farebbe bene al Paese e che creerebbe dei nuovi imprenditori e sarebbe anche un'ottima opportunità per la nostra agricoltura". "In questo evento - ha concluso - evidenzieremo la follia del proibizionismo e ragioneremo su come in futuro dovremo legalizzare questa sostanza e sui benefici che potremmo trarne: lo facciamo già con il vino non vedo perché non potremmo farlo con la cannabis".

L'evento, organizzato dall'Agenzia Energie Sociali Jesurum, può essere seguito anche in streaming oppure "nella ricostruzione di piazza Duomo sul metaverso realizzata da Wikipoint". Nelle pause tra i diversi panel sono previsti dj set e interventi in presenza e in differita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli