Italia markets open in 3 hours 36 minutes
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.261,51
    +45,99 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1647
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    54.945,01
    +610,95 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,66
    +18,30 (+1,25%)
     
  • HANG SENG

    26.096,99
    +309,78 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

L’Abbate: sbloccati 350 mln per contratti filiera e distretti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 ott. (askanews) - "Attraverso lo sblocco di 350 milioni di euro, previsti dal Fondo complementare del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), riusciamo a finanziare tutti i progetti relativi ai contratti di filiera e distrettuali già candidati nell'ambito dell'ultimo bando ministeriale, chiusosi lo scorso 30 settembre. I programmi di investimento, infatti, sono ritenuti già in linea con le indicazioni comunitarie dal punto di vista della sostenibilità ambientale". Lo annuncia il deputato Giuseppe L'Abbate, esponente M5S in commissione Agricoltura, alla luce del decreto direttoriale del ministero delle Politiche Agricole.

"Le somme saranno destinate a coloro che hanno ottenuto un contributo inferiore al limite massimo dell'agevolazione e contribuiranno allo scorrimento dell'attuale graduatoria - spiega L'Abbate - Nel 2022, poi, sarà emanato un nuovo bando in base ai criteri del PNRR che nel fondo complementare vede stanziare 1,2 miliardi di euro per i settori agroalimentare, della pesca e dell'acquacoltura, della silvicoltura, della floricoltura e del vivaismo".

"L'obiettivo - aggiunge L'Abbate - è promuovere oltre alla sostenibilità ambientale, il potenziamento delle relazioni intersettoriali lungo le catene di produzione, trasformazione e commercializzazione, attraverso l'aggregazione dei produttori e la creazione di responsabilità solidale delle imprese della filiera migliorando la posizione degli agricoltori nella catena del valore e la partecipazione degli operatori, anche dislocati in aree rurali o marginali, ai processi di aggregazione, contribuendo a contrastare lo spopolamento delle aree rurali".

"Quello dei contratti di filiera e di distretto è uno strumento efficace e necessario per il futuro dell'agroalimentare italiano che permette di creare valore aggiunto e aumentare la redditività" conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli