Italia markets open in 2 hours 13 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.029,14
    -656,23 (-2,21%)
     
  • EUR/USD

    1,2066
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    45.710,16
    -1.995,73 (-4,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.242,99
    -55,96 (-4,31%)
     
  • HANG SENG

    29.105,73
    -0,42 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

L’Australia valuta l’elicottero-drone italiano AWHERO di Leonardo

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 mar. (askanews) - Il nuovo sistema aereo di sorveglianza "unmanned" - cioé senza equipaggio - della Marina australiana potrebbe parlare anche italiano.

La Difesa australiana, infatti, ha selezionato anche l'elicottero a pilotaggio remoto "AWHERO", proposto da un team formato dalla statunitense Northrop-Grumman e dall'italiana Leonardo, per rispondere a un importante requisito della Marina volto a introdurre moderne capacità di intelligence, sorveglianza, ricognizione e acquisizione dell'obiettivo basate, appunto, su tecnologie 'unmanned'.

La selezione consente ora a Northrop Grumman e Leonardo di passare alla prossima fase della competizione.

La proposta del team italo-americano comprende l'elicottero a pilotaggio remoto di Leonardo e una versione del sistema di comando e controllo DA/RC - Distributed Autonomy/Responsive Control di Northrop Grumman.

L'AWHERO, progettato per svolgere complesse missioni in ambiente marittimo e in modalità imbarcata per compiti sia civili sia militari, è caratterizzato da grande versatilità e capacità di riconfigurazione che permettono l'impiego di un'ampia gamma di sistemi ed equipaggiamenti tra cui avanzate tecnologie radar di sorveglianza di Leonardo.

Attraverso il sistema DA/RC, integrato con nave, stazione di controllo ed elicottero, inoltre, l'utilizzatore acquisisce consapevolezza tattica e capacità decisionale per gestire qualsiasi minaccia. La combinazione di tali tecnologie, dunque, offre così capacità senza confronti proprio per lo svolgimento di compiti come quelli previsti dal requisito della Marina australiana.