Italia markets open in 3 hours 50 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.409,87
    +113,01 (+0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1927
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    15.106,28
    -560,49 (-3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    351,04
    -19,47 (-5,26%)
     
  • HANG SENG

    26.668,56
    -1,19 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

l coordinatore del Cts si è soffermato anche sugli spostamenti tra Regioni: "Mobilità interregionale dipende dai dati"

·1 minuto per la lettura
coronavirus miozzo lockdown generale
coronavirus miozzo lockdown generale

Il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo ha dichiarato che a Natale servano misure rigorose per evitare contagi da Covid. “Per evitare l’assembramento da shopping – dice – ci vorrà un monitoraggio rigoroso e sanzioni rigorose. Se non sarà così salta tutto e a gennaio siamo con la terza ondata”.

Covid, disposizioni a Natale

Il coordinatore del Cts si è soffermato anche sugli spostamenti tra Regioni e sulla riapertura delle scuole. “Dobbiamo valutare l’andamento della curva epidemica nelle prossime due settimane. Solo in base a quella si potrà decidere”, ha spiegato Miozzo riguardo alle deroghe alla mobilità interregionale per le festività. Sulla stessa idea anche la sottosegretaria alla salute Zampa.

“Sappiamo che lo spostamento interregionale è stato una causa di importante diffusione del virus – aggiunge il coordinatore del Cts –. Però è anche vero che in questa situazione ci sono esigenze di carattere sociale importanti”. Saranno “fondamentali” i dati “ma, anche, i controlli e la possibilità di fare autonomamente dei tamponi rapidi”. È evidente però che, conclude Miozzo, “se si potranno autorizzare gli spostamenti, ovviamente non potrà mancare il rispetto rigoroso delle regole”.

Riguardo la scuola “è un elemento fondamentale della crescita e del processo formativo dei nostri ragazzi. PEr questo “deve essere una priorità”. Miozzo ha affermato che nei giorni scorsi è andato in scena anche un confronto con gli organismi internazionali, a partire dall’Oms e dall’Unesco, per fare il punto della situazione e verificare come anche altri paesi importanti dell’Ue, Francia, Germania e Gran Bretagna, abbiano dato tutti “indicazioni rigorose per il mantenimento dell’apertura delle scuole”.