Italia markets open in 4 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.827,81
    +379,80 (+1,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    41.417,84
    -614,78 (-1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.373,45
    -14,45 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    27.779,84
    +61,17 (+0,22%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

L’economia USA continua a correre

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

L’S&P 500, ha toccato nuovi massimi storici. Diversi gli elementi che hanno sostenuto gli acquisti, in primis l’avvio positivo della stagione delle trimestrali nel Paese e alla riduzione dei rendimenti del T-Note. A questa discesa potrebbero aver contribuito le parole del Vicepresidente della Fed Clarida, che ha dichiarato come l’istituto dovrà intervenire se l’incremento delle aspettative di inflazione dovesse diventare persistente. Due i segnali da osservare: il primo è relativo ad un rialzo dei salari maggiore della produttività, il secondo è il trasferimento sui prezzi al consumo dell’aumento di quelli alla produzione. Interessante evidenziare anche come il Presidente della Fed Powell abbia affermato che la Banca centrale inizierà a ridurre il percorso di acquisto di asset (ora a 120 miliardi di dollari al mese) molto prima di alzare i tassi di interesse. Intanto l’economia statunitense continua a dare segnali di miglioramento. Importante mettere in luce come le richieste di sussidio di disoccupazione menzionate ieri hanno raggiunti i minimi dall’inizio della pandemia. Considerando le ultime dichiarazioni degli esponenti della Fed. Il pericolo sempre più consistente dell’inflazione e la velocità della campagna vaccinale in USA (il 37,3% della popolazione ha ricevuto almeno una dose), l’istituto centrale americano potrebbe pensare ad una politica monetaria più restrittiva prima del previsto. Sul fronte geopolitico, sembra che con l’arrivo di Biden alla Casa Bianca il posto della Cina sia stato preso dalla Russia. Gli Stati Uniti hanno infatti imposto una serie di sanzioni a Mosca, incluse delle limitazioni agli acquisti di debito sovrano.

I MARKET MOVER

Durante la mattinata di oggi gli investitori si concentreranno sui dati dell’Eurozona, in particolare per quello che riguarda il tasso di inflazione del Vecchio Continente di marzo (finale), previsto all’1,3%. Per quanto riguarda gli Stati Uniti invece, le attenzioni saranno relative ai permessi edilizi e alle nuove costruzioni di marzo. Riflettori anche sulla fiducia dei consumatori elaborata dall’Università del Michigan (aprile, preliminare). Sul fronte delle trimestrali invece, verranno resi noti i conti del 1° trimestre 2021 di Morgan Stanley.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online