Italia markets close in 3 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    21.238,47
    -595,03 (-2,73%)
     
  • Dow Jones

    31.029,31
    +82,32 (+0,27%)
     
  • Nasdaq

    11.177,89
    -3,65 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    109,25
    -0,53 (-0,48%)
     
  • BTC-EUR

    18.409,04
    -1.042,82 (-5,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    408,84
    -30,83 (-7,01%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -6,10 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,0387
    -0,0056 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.818,83
    -2,72 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.418,02
    -96,30 (-2,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8585
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    0,9949
    -0,0016 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3427
    -0,0031 (-0,23%)
     

L’Euro Dollaro Cerca di Rimbalzare Sopra 1,0500 nonostante il Rafforzamento del Dollaro Americano

Il prezzo dell’euro dollaro durante la sessione dell’Asia-Pacifico e quella europea ha subito un forte ridimensionamento momentaneo che lo ha portato a violare il livello chiave 1,0500. Il fiber ha avuto una certa difficoltà a trovare domanda dopo i deludenti dati europei rilasciati in mattinata e la coppia valutaria potrebbe cercare di estendere durante la sessione di Wall Street nel caso in cui i dati USA si mostreranno molto positivi.

Riguardo i dati europei, la giornata odierna è stata molto negativa dove gli indici “commerciali” sono cresciuti ad un ritmo molto più contenuto del previsto. Il PMI composito per l’Eurozona e quello tedesco sono scesi rispettivamente a 51,9 e 51,3, rispetto alle previsioni degli analisti a 54,8 e 53,7.

Da sottolineare che ora i mercati stanno scontando un rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea di 160 punti base, rispetto ai 170 punti base previsti.

Euro dollaro in ripresa dopo i primi dati USA negativi

Il primo importante rilascio dei dati statunitensi non è stato positivo, e ha portato di riflesso una ventata di aria fresca al fiber. “Colpevole” le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione che hanno riportato un dato inferiore rispetto le previsioni (229K vs 227K previsti).

Da attenzionare ora i dati PMI del settore manifatturiero e dei servizi dove nel caso in cui i dati risulteranno troppo positivi (quindi economia USA più sana rispetto a quella europea), il mercato potrebbe continuare a vedere una forte divergenza politica tra la BCE e la FED.

In questo caso, è probabile che l’euro dollaro proverà a spingere di nuovo al ribasso. D’altro canto, se i dati andranno secondo le previsioni degli analisti, probabilmente il mercato potrebbe perdere interesse sul dollaro americano.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Al momento della scrittura il fiber è quotato leggermente al di sopra del livello chiave 1,0500 (1,0512), provando quindi a rimbalzare e consolidarsi sopra il livello chiave e tentare l’allungo al rialzo se i dati PMI statunitensi risulteranno negativi o nei limiti delle previsioni.

Confermato il rialzo, probabilmente il fiber tenterà il break-out del target intermedio 1,0570 mentre, al contrario, se i dati PMI USA risulteranno molto positivi, il dollaro americano riacquisterà ancora più forza influenzando l’euro dollaro al ribasso e cercando quindi di raggiungere l’obiettivo di breve termine a 1,0470 prima e il livello chiave 1,0400 successivamente.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli