Italia markets close in 2 hours 4 minutes
  • FTSE MIB

    25.463,40
    +100,38 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,03 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,62 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.781,02
    +497,43 (+1,82%)
     
  • Petrolio

    73,29
    -0,66 (-0,89%)
     
  • BTC-EUR

    33.105,59
    -2.056,14 (-5,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    959,64
    +9,74 (+1,03%)
     
  • Oro

    1.811,60
    -5,60 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1882
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    26.235,80
    +274,77 (+1,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.119,80
    +30,50 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8549
    +0,0013 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0757
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4813
    +0,0013 (+0,08%)
     

L’export lombardo rallenta in I trim 2021: si ferma a 31 miliardi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 giu. (askanews) - Il valore delle esportazioni lombarde rallenta nel primo trimestre 2021 pur rimanendo al di sopra dei 31 miliardi di euro, mentre le importazioni superano i 34,7 miliardi. Questi risultati portano ad un incremento del deficit commerciale regionale che ora si attesta a -3,7 miliardi di euro, il valore massimo dal terzo trimestre 2011. Rispetto allo stesso trimestre del 2020 la dinamica dell'export è stata positiva per quasi tutte le ripartizioni territoriali italiane, ad esclusione del solo Nord-est.

L'aumento delle esportazioni di metalli di base, prodotti in metallo e macchinari e apparecchi dalla Lombardia ha inciso significativamente sulla crescita dell'export nazionale di questo trimestre, mentre c'è stato un contributo negativo dall'export regionale di articoli farmaceutici e chimico-medicinali. Per quanto riguarda le principali destinazioni, i flussi dalla Lombardia verso la Germania (+5,1% rispetto al livello pre-crisi e +9,2% tendenziale) e la Cina (+9,9% rispetto a pre-crisi e +36,4% tendenziale) hanno dato i contributi positivi più evidenti in questo trimestre, mentre ha influito negativamente il calo delle vendite verso gli Stati Uniti (-17,7% rispetto a pre-crisi e -30,1% tendenziale).

Vista l'eccezionalità dei risultati per alcuni trimestri del 2020, il confronto tendenziale - peraltro positivo (+3,5%) - impedisce di cogliere alcune dinamiche, per cui nella valutazione è utile anche considerare la variazione rispetto al livello medio del 2019 considerandolo come livello pre-crisi di riferimento da raggiungere.

"Il recupero registrato a fine 2020 si indebolisce con il nuovo anno e il valore dell'export lombardo nel primo trimestre non raggiunge ancora i livelli pre-crisi del 2019 (-2,6%) - commenta il presidente di Unioncamere Lombardia, Gian Domenico Auricchio - La realtà lombarda rimane molto diversificata: settori, destinazioni e territori mostrano andamenti differenti tra loro. Risultati positivi per i metalli di base e i prodotti in metallo dei quali si giovano le provincie di Brescia, Cremona, Lecco, Mantova e Monza-Brianza e tiene il comparto alimentare, ma si conferma la forte crisi di tessile, abbigliamento e calzature. Fa ben sperare la ripresa dei principali mercati europei e asiatici, Germania e Cina in particolare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli