Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.513,78
    +204,27 (+0,61%)
     
  • Nasdaq

    12.876,35
    +21,55 (+0,17%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0326
    +0,0024 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    23.607,99
    +274,48 (+1,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    576,98
    +2,24 (+0,39%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.233,48
    +23,24 (+0,55%)
     

L’Inflazione Porta l’Euro Dollaro a 1,14, Inizio del Rialzo di Lungo Termine?

·2 minuto per la lettura

Già da ieri il prezzo dell’euro dollaro ha cercato di rialzare la testa dopo i discorsi di Christine Lagarde e di Jerome Powell. La Lagarde ha supervisionato la transizione del nuovo presidente della Bundesbank, subentrato ovviamente a quello uscente, quando ha fatto riferimento all’impegno della Banca Centrale di tener stabile i prezzi e ha dichiarato che è ben consapevole delle preoccupazioni che le persone stanno avendo riguardo il forte aumento dei prezzi, ribadendo che la stabilità di essi è una priorità per la Banca soprattutto per le ultime aspettative di inflazione.

Tuttavia, diversi esperti ritengono che, nonostante l’ultimo dato dell’inflazione al di sopra delle aspettative (5%), la Banca Centrale Europea prevede un calo dell’inflazione nel 2022, e scendere al di sotto dell’obiettivo del 2% nel 2023 e nel 2024.

Detto questo, risulta normale quindi che il fiber si sta movimentando al rialzo dopo gli ultimi dati sull’inflazione europea e statunitense.

Dopo i primi segnali di pressione di ieri, il future DXY inizia ad andare al ribasso

Il dollaro americano già nella giornata di ieri era sotto pressione dopo le dichiarazioni davanti al Congresso da parte del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, il quale ha ribadito comunque considerazione già ampiamente scontate dal mercato. Ossia, gli acquisti di asset termineranno a marzo (tapering) e si prevede che gli aumenti dei tassi di interesse inizieranno nel primo trimestre di quest’anno. Inoltre, Powell ha affermato che la Federal Reserve potrebbe iniziare a ridurre i debiti del bilancio verso la fine del 2022.

Come anticipato, la giornata di oggi ha portato rinnovate pressioni ribassiste sul future del dollaro americano, il quale ha quasi raggiunto il livello annuale 95,114 e la trendline dinamica rialzista di medio periodo. E questo movimento sta influenzando il rialzo dell’euro dollaro, che ha raggiunto i massimi da 3 mesi.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Al momento della scrittura il fiber quota 1,1416, in procinto di iniziare una nuova tendenza in via definitiva.

Per la prima volta dal 14 novembre, l’euro dollaro viene finalmente scambiato al di sopra di 1,14, violando finalmente il trading range iniziato a fine novembre. C’è tanta speranza per i rialzisti che l’inversione di tendenza diventerà una concreta realtà ma occorre attendere la condizione necessaria per la conferma: una chiusura settimanale al di sopra sia del triangolo di compressione e del target intermedio 1,1363. Primo obiettivo del rialzo a 1,1655.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli