Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.380,98
    -1.250,93 (-6,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

L’NFP Positivo porta l’Euro Dollaro al Test di 1,0700

Il prezzo dell’euro dollaro ha registrato un rialzo impressionante nella giornata di giovedì ed è entrato ufficialmente in una zona di consolidamento nonostante le incombenze dei dati NFP da poco pubblicati. Come anticipato, i dati sulle busta paga non agricole degli Stati Uniti hanno registrato un aumento rispetto alle previsioni degli analisti (390K nuovi posti di lavoro contro 325K previsti) ma comunque in calo rispetto ai 436K del mese scorso; da non dimenticare anche un leggero aumento della disoccupazione che ora si attesta al 3,6%, ben lontana da livelli preoccupanti.

Si mette in evidenza un dato macroeconomico spesso sottovalutato: la retribuzione oraria media annuale; ora in leggero calo rispetto alle previsioni (ora al 0,3%) della paga oraria media che sta portando ad una decisa debolezza del dollaro americano dopo una flebile spinta ribassista e tentativo di test del livello chiave 1,0700.

Economia statunitense stabile ma l’euro dollaro risale

La probabilità di un rialzo dei tassi di interesse da parte della FED di 75 punti base alla prossima riunione a giugno è quasi scomparsa, ma permangono molti dubbi per quanto tempo la Federal Reserve andrà avanti con gli aumenti dei tassi di 50 punti base, calendarizzati ora a giugno e a luglio.

Ad ora è in corso un forte calo del dollaro americano a causa di questo grosso calo delle probabilità di una continuazione dei rialzi dei tassi della FED, considerando che l’economia statunitense continua a compiere progressi costanti verso la cosiddetta “piena occupazione” come visto prima della pandemia COVID.

Dal punto di vista tecno-grafico, il future del dollaro americano (indice DXY) mette in evidenza la difficoltà delle ultime settimane del biglietto verde.

Resta da vedere se il prezzo chiudi al di sotto dell’area di supply dopo il falso break-in dei primi giorni dell’attuale settimana poiché una chiusura al di sotto dell’area di resistenza potrebbe legittimare i ribassisti a continuare l’attuale fase di debolezza che darebbe grosso beneficio al rialzo dell’euro dollaro.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Al momento della scrittura il prezzo del fiber quota 1,0735, in leggero ribasso dello 0,14% ma in ripresa a seguito degli ultimi dati degli Stati Uniti non lusinghieri.

Ora i tori si giocano il tutto per tutto con la chiusura settimanale poiché, come anticipato nei precedenti articoli, potrebbe comportare a creare uno scenario fortemente rialzista e portare l’euro dollaro ad aumentare le probabilità di raggiungere in breve tempo 1,0824 (primo obiettivo) e 1,1019 (secondo obiettivo).

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli