Italia markets open in 3 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.441,61
    +144,75 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,1929
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.017,04
    -649,73 (-4,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    349,05
    -21,47 (-5,79%)
     
  • HANG SENG

    26.672,52
    +2,77 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

L’opportunità d’investimento offerta dai Fallen Angels

Redazione
·3 minuto per la lettura
L’opportunità d’investimento offerta dai Fallen Angels
L’opportunità d’investimento offerta dai Fallen Angels

Gli esperti di Invesco spiegano i vantaggi dei Fallen Angels

Il reddito fisso è un’asset class molto apprezzata dagli investitori nella quale da sempre ricercano stabilità e rendimento. Tuttavia, la grande crisi finanziaria 2008-2009 e le imponenti misure monetarie adottate dalle banche centrali delle principali economie mondiali hanno spinto i tassi di interesse a zero e, in molte aree, addirittura in territorio negativo, mettendo in discussione la funzione di ammortizzatore di portafoglio del reddito fisso.

SCANDAGLIARE TUTTE LE OFFERTE DEL MERCATO

“Le emissioni obbligazionarie non sono tutte uguali, ogni categoria di titoli a reddito fisso deve svolgere il proprio ‘ruolo’ per creare un equilibrio all’interno del portafoglio. Effettuare frequenti modifiche alla componente obbligazionaria del portafoglio non è consigliabile e potrebbe costare caro, sia in termini di maggiori costi di negoziazione che di performance corrette per il rischio. La soluzione consiste nel diversificare andando a scandagliare tutta l’offerta di mercato in modo tale da considerare l’impatto delle scelte di portafoglio nei diversi contesti di mercato”, fanno sapere i manager di Invesco.

COS’È UN FALLEN ANGEL

In quest’ottica, le peculiarità dei Fallen Angels rappresentano una interessante opportunità. “Un Fallen Angel è un’obbligazione originariamente classificata come investment grade, e successivamente declassata a high yield. La rimozione dalla categoria investment grade obbliga molti investitori a vendere i propri titoli, causando un calo più pronunciato del prezzo”, spiegano gli esperti di Invesco, la casa d’investimento che ha messo a punto l’Invesco US High Yield Fallen Angels UCITS ETF. Si tratta di un ETF che segue una strategia sistematica, in cui alla fine di ogni mese vengono acquistati nuovi Fallen Angels nel mercato statunitense, in seguito alla loro inclusione nell’indice e conformemente ai vincoli di liquidità.

L’OPPORTUNITÀ DI INVE STIRE NEI FALLEN ANGELS

L’acquisto dei Fallen Angels poco dopo il declassamento, consente all’ETF di offrire l’opportunità di aumentare i rendimenti nello spazio high yield USA sfruttando un eventuale rimbalzo dei prezzi. Inoltre, i Fallen Angels hanno un rating creditizio storicamente più solido rispetto all’insieme del mercato high yield statunitense. Vari studi dimostrano che le obbligazioni Fallen Angels sono spesso svendute eccessivamente una volta declassate ad ‘high yield’, e successivamente tendono a beneficiare di un maggior numero di upgrade creditizi rispetto ai titoli high yield equivalenti (fonte: FTSE Russell, Fallen Angels in the US credit market, maggio 2019). La pressione dei flussi di vendita tende infatti di norma a ridursi dopo il declassamento, il che consente ai prezzi dei Fallen Angels di risalire, contribuendo potenzialmente a solidi rendimenti.

UN INDICE APPOSITAMENTE CREATO

L’ETF di Invesco replica l’andamento di un indice appositamente creato (FTSE Time-Weighted US Fallen Angels Bond Select Index), che comprende obbligazioni entro 1-30 giorni dal declassamento, e detenute per 60 mesi. “A differenza degli indici dove le ponderazioni delle componenti sono basate sul valore di mercato, in questo caso le ponderazioni del benchmark sono determinate sulla base del tempo trascorso dall’inclusione, con ponderazioni più elevate assegnate alle obbligazioni classificate ‘Fallen Angels’ da meno tempo: l’obiettivo è quello di catturare il potenziale effetto di rimbalzo del prezzo che questi titoli potrebbero registrare appena dopo l’iniziale declassamento ad high yield”, puntualizzano i manager di Invesco. Inoltre ogni emittente non può superare il limite massimo del 5% del valore del portafoglio sottostante l’ETF.