Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.535,66
    -295,34 (-1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

La Bce avverte l'Italia sul "cliff effect"

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·2 minuto per la lettura
bce (Photo: HP)
bce (Photo: HP)

Attenti al “cliff effect” perché potrebbe innescare una ondata di perdite. Nel suo Rapporto sulla stabilità finanziaria, la Banca Centrale Europea mette in guardia i Paesi dell’area euro dal ritirare troppo presto gli aiuti economici messi in campo per rispondere alla crisi Covid. Il rischio è di incorrere nel baratro fiscale (cliff effect) cioè lo shock economico derivante da un calo improvviso e amplificato delle misure di sostegno pubblico. Un ritiro prematuro degli aiuti di bilancio, come le garanzie sui prestiti, le moratorie, rinvii tributari e sovvenzioni, “potrebbe bloccare la ripresa, trasformando i problemi di liquidità delle aziende osservati agli inizi della pandemia in problemi di solvibilità”, scrive la Bce che individua nell’esposizione di banche e bilanci pubblici al debito delle aziende il nodo più critico: per le banche dell’Eurozona “un ritiro prematuro delle garanzie governative e delle moratorie potrebbe portare un’ulteriore ondata di perdite”.

Tra i Paesi che rischiano più degli altri di finire nel baratro fiscale primeggia l’Italia, a seguire Olanda e Germania. Quanto all’Italia, “il venir meno sostanzialmente simultaneo di gran parte delle moratorie sui prestiti, degli schemi di cassa integrazione (legata al blocco dei licenziamenti, ndr) e degli aiuti diretti indicherebbe un calo sostanziale dei meccanismi di sostegno all’economia nel 2021″. A cosa si riferisce la Bce? Il blocco dei licenziamenti è stato appena prorogato dal Governo Conte con la legge di Bilancio fino a marzo 2021, superando le resistenze di Confindustria. Le moratorie sui finanziamenti alle piccole e medie imprese scade invece a gennaio 2021 (Decreto Agosto), solo per quelle del comparto turistico è stato prorogato alla fine di marzo ma solo per i mutui. Secondo i dati della task force preposta, le domande di adesion...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.