Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.463,34
    -205,92 (-1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Borsa Milano, oggi Bce fa scattare rally a Piazza Affari: palla alla Fed

(Adnkronos) - La giornata dei listini europei si è aperta con la notizia che tutti aspettavano: la Bce intende calmierare gli spread sovrani. A meno di una settimana dal meeting che ha innescato il terremoto sui mercati, l’istituto guidato da Christine Lagarde ha messo in campo un'inversione a U che ne testimonia le spaccature interne.

Nel corso di un meeting straordinario, la Banca centrale europea ha fatto sapere che “applicherà flessibilità nel reinvestimento dei rimborsi in scadenza nel portafoglio Pepp” con la finalità di “preservare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria”. Inoltre, ai Comitati dell'Eurosistema è stato conferito il mandato di “accelerare il completamento della progettazione di un nuovo strumento anti-frammentazione da sottoporre all'esame del Consiglio direttivo”.

A breve la Federal Reserve annuncerà la sua decisione in materia di tassi di interesse: se fino a qualche giorno fa, si registrava un consenso bulgaro per un rialzo di 50 punti base, ora, alla luce delle nuove indicazioni sui prezzi al consumo e delle aspettative di inflazione, la quasi totalità degli operatori stima una stretta dello 0,75%.

A Milano il Ftse Mib ha così chiuso a 22.473,56 punti, +2,87% rispetto al dato precedente, grazie alle performance dei titoli finanziari: FinecoBank è salita del 6,72%, Poste Italiane del 3,29%, Assicurazioni Generali ha chiuso con un +4,06%, Intesa Sanpaolo con un +4,6% ed UniCredit con un +3,74%. L’istituto di piazza Gae Aulenti ha annunciato di aver trasferito ad una società veicolo un portafoglio Npl da 1,1 miliardi di euro.

Con il petrolio in calo per il secondo giorno consecutivo, -0,25% a 120,8 dollari al barile, Eni ha segnato un +0,64%, Tenaris un -2,98% e Saipem, che si è aggiudicata una commessa offshore in Brasile, con un -5,41%.

Le notizie in arrivo dall’Eurotower hanno permesso al rendimento del nostro decennale di scendere sotto il 4% (3,88%) ed allo spread con i titoli tedeschi di segnare un -7,4% a 224 punti base. (in collaborazione con Money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli