Italia markets close in 6 hours 41 minutes
  • FTSE MIB

    25.453,46
    +100,10 (+0,39%)
     
  • Dow Jones

    33.919,84
    -50,63 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.746,40
    +32,49 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • Petrolio

    71,70
    +1,21 (+1,72%)
     
  • BTC-EUR

    36.162,56
    -1.108,46 (-2,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.054,98
    -8,86 (-0,83%)
     
  • Oro

    1.776,00
    -2,20 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1733
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.354,19
    -3,54 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.124,03
    +26,52 (+0,65%)
     
  • EUR/GBP

    0,8598
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0825
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5013
    -0,0010 (-0,07%)
     

La Borsa crede nella ripresa: Piazza affari ai massimi da 13 anni

·2 minuto per la lettura

AGI - Se l'anno scorso, a febbraio, prima dello scoppio della pandemia da Covid-19, Piazza Affari si era riportata brevemente sopra i 25 mila punti, che non toccava dal 2008, con le ultime sedute ha ritoccato verso l'alto quel picco.

Il Ftse Mib, l'indice che raggruppa i principali quaranta gruppi quotati sul listino milanese, ha chiuso una nuova seduta in progresso, guadagnando lo 0,99% (il rialzo più consistente fra le principali borse europee) e toccando i 25.824 punti.

Il nuovo slancio di Piazza Affari arriva in una giornata in cui gli altri listini del Continente si sono mossi poco; a differenza di indici come il Dax di Francoforte o come quelli di Wall Street, tuttavia, il Ftse Mib è ancora molto lontano dai massimi storici: sempre nel 2008, prima della crisi finanziaria, l'indice stazionava sopra i 30 mila punti e nel 2007 era addirittura sopra quota 40 mila punti.

A trascinare la Borsa di Milano, in un contesto favorevole ai listini azionari, che giovano della grande massa di liquidità immessa nel sistema dalle politiche monetarie e fiscali globali, è il buon momento dei bancari, fra report lusinghieri e aspettative per il consolidamento del comparto: particolarmente brillanti, nella seduta di oggi, le azioni Unicredit (+3,47% dopo un report di Jeffries).

Al tempo stesso, tuttavia, mentre altri settori fanno registrare quotazioni sui massimi storici o comunque vicine ai livelli record, il settore del credito italiano è ancora ben al di sotto dei valori storici. Ben comprata la manifattura, a partire da Stellantis (+1,68%), e il settore del lusso, con Moncler che continua a ritoccare i propri massimi. Tonica anche l'industria del risparmio gestito, che beneficia dei forti risparmi degli italiani e dei dati sulla raccolta.

Anche l'alto numero di opa in corso attualmente o chiuso nelle ultime settimane contribuisce a tenere alti i prezzi, con gli investitori che scommettono su nuove operazioni in un momento in cui la liquidità e i debiti costano molto poco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli