Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,19 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.538,73
    -229,33 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    50.424,12
    -430,07 (-0,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.285,67
    -8,92 (-0,69%)
     
  • HANG SENG

    28.453,28
    -245,52 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

La cappa di paillettes di Laura Pausini a Sanremo 2021 è il sogno (anarchico) di libertà

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Jacopo Raule / Daniele Venturelli - Getty Images
Photo credit: Jacopo Raule / Daniele Venturelli - Getty Images

From ELLE

Dopo il look in rosso porte-bonheur firmato Valentino con cui ha ricevuto il Golden Globe, Laura Pausini che indossa la lunga cappa di paillettes a Sanremo 2021 conferma e legittima il suo nuovo percorso stilistico con la maison. Un percorso coerente con quella sua formalità fluida e mai contraddittoria in termini di eleganza (e identità) che da sempre contraddistingue il suo guardaroba, ma che stavolta crea un effetto wow, alimentato dalla straordinarietà del capo con traiettoria diretta dalla-passerella-al-palco (o red carpet fino a poco tempo fa), che viene riservato solo alle grandi dive. No, niente tailleur (come avremmo potuto scommettere), almeno non questa volta. Bensì, una mantella che arriva direttamente dalla collezione Valentino moda Autunno Inverno 2021 2022 che il direttore creativo della maison, Pierpaolo Piccioli, ha presentato solo due giorni fa alla Milano Fashion Week. Letteralmente, dalla sfilata al palco dell'Ariston.

Quello di Laura Pausini a Sanremo 2021 è un look firmato Valentino inedito, si potrebbe ben dire: degna cappa tempestata di paillettes per una degna étoile che merita di brillare, è lei la guest star della seconda serata del Festival. Quale migliore styling dunque, se non questo curato per lei da Andrea Mennella, affinché riempisse interamente la scena? Il suo momento di gloria ha avuto del solenne, ed è stato necessario: Laura Pausini si è esibita in Io sì (Seen), con cui ha trionfato solo pochi giorni fa ai Golden Globe Awards 2021 nella categoria Miglior Canzone, protagonista del film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti con Sophia Loren. Prima donna italiana ad aver mai raggiunto un simile traguardo, ma anche prima celebrità a indossare - in anteprima! - un look della collezione Valentino moda Autunno Inverno 2021 2022.

Photo credit: COURTESY VALENTINO PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY VALENTINO PRESS OFFICE

Interamente realizzata in chiffon e ricamata all-over con paillettes degradé (nota bene, le paillettes si confermano di nuovo tendenza moda Primavera Estate 2021 direttamente da Sanremo), la cappa di Laura Pausini è il capo che trionfa raggiante in un look in cui a reggere il gioco sono anche un cage top a collo alto in tulle e pizzo nero, e un paio di pantaloni a gamba dritta. Tutto rigorosamente firmato Valentino, compresi i guanti in pelle nera e le nuove pump Valentino Garavani Rockstud Alcove.

Photo credit: COURTESY VALENTINO PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY VALENTINO PRESS OFFICE

Laura Pausini in Valentino a Sanremo 2021 si fa così portavoce anche di un messaggio di moda forte e significativo. È un'intraducibile borghesia punk quella che il direttore creativo della casa di moda, Pierpaolo Piccioli, ha portato in passerella pochi giorni fa a Milano con la collezione Valentino Act. Pervasa da una femminilità romantica e potente al tempo stesso, Pierpaolo Piccioli ha esplorato il concetto di taglio come gesto anarchico insistendo proprio sull'anarchia come atto di libertà. La sua visione idealistica trova dunque un suo senso (figurato) nei tagli stessi che costituiscono le maniche della cappa moda Autunno Inverno 2021 2022 di Laura Pausini sul palco di Sanremo. E proprio come Valentino ha decostruito tutto affondando la lama delle forbici nel tessuto, così Laura Pausini ha segnato un nuovo primato: in quanto prima donna che abbia mai vinto ai Golden Globes, non si osi dire che il suo non sia stato un gesto rivoluzionario. E non si dica mai che per far la rivoluzione non serva proprio l'anarchia (gentile ed elegante firmata dalla maison Valentino).