Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.125,00
    +537,34 (+1,60%)
     
  • Nasdaq

    13.147,12
    +115,44 (+0,89%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    40.339,59
    -4.871,84 (-10,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.313,92
    -73,98 (-5,33%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • S&P 500

    4.123,32
    +60,28 (+1,48%)
     

Earth Day, Biden rilancia la corsa verde. Pax climatica fra leader, a parole

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: TOM BRENNER via REUTERS)
(Photo: TOM BRENNER via REUTERS)

Quaranta capi di Stato e di governo di Paesi anche in rotta tra loro che si ritrovano, virtualmente, riuniti in una stanza per parlare di clima. Dal presidente americano Joe Biden al presidente cinese Xi Jinping, da Vladimir Putin a Narendra Modi, passando per i leader europei – Mario Draghi, Emmanuel Macron, Angela Merkel – fino ad arrivare al turco Tayyip Erdoğan, al brasiliano Jair Bolsonaro, al britannico Boris Johnson. Leader diversi e divisi (quasi) su tutto che si ritrovano connessi allo stesso tavolo virtuale per dimostrare che almeno sul futuro del pianeta si può dialogare. Il Leaders Summit on Climate è il vertice di due giorni voluto da Biden per rimarcare la volontà dell’America di tornare a preoccuparsi e occuparsi della lotta al cambiamento climatico, la più grande minaccia globale per la salute della Terra e dei suoi abitanti. Ed è il presidente Usa a partire con un primo annuncio: gli Stati Uniti si impegnano a ridurre le emissioni di combustibili fossili fino al 50-52% entro il 2030, un obiettivo che raddoppia le riduzioni che l’amministrazione Obama si era impegnata a realizzare nello storico Accordo sul clima di Parigi del 2015.

Almeno a parole, i leader mondiali si accodano alla corsa verde impressa dal presidente americano. Le differenze restano, ma la lotta al cambiamento climatico diventa un tema sui cui i giganti rivali - Washington e Pechino - dicono di voler collaborare. Si moltiplicano i ringraziamenti a Biden per quello che il premier Draghi definisce “un cambiamento totale”, e in effetti sembra decisamente un altro mondo rispetto a quello del novembre 2019, quando l’allora presidente Donald Trump annunciava l’uscita della più grande economia del mondo dal Patto di Parigi. “In questa Giornata della Terra - twitta Potus - sono orgoglioso di dire che la scienza è tornata”.

“Nessuna nazione può risolvere quest...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.