Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.943,42
    +681,52 (+2,18%)
     
  • Nasdaq

    11.502,99
    +148,38 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0675
    +0,0113 (+1,07%)
     
  • BTC-EUR

    28.467,28
    +319,42 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    681,24
    +6,37 (+0,94%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.972,38
    +71,02 (+1,82%)
     

La corte ha emesso la sentenza per tentato omicidio per il controverso Joe Maldonado-Passage

·2 minuto per la lettura
"Tiger King" con il suo animale totem
"Tiger King" con il suo animale totem

Negli Usa Tiger King non convince i giudici e resta in carcere: sono stati comminati 21 anni per tentato omicidio a carico del controverso 50enne Joe Maldonado-Passage, ispiratore di una docuserie Netflix di successo. Joe “Exotic”, bizzarro proprietario di animali selvaggi, ha avuto dunque una nuova condanna. Perché nuova? Perché Maldonado-Passage era stato già stato condannato nel gennaio 2020 a 22 anni per il tentativo di eliminare la sua acerrima nemica Carole Baskin.

Tiger King resta in carcere, Joe Maldonado-Passage è il mandante del tentato omicidio di Carole Baskin

Venne indagato in un caso di omicidio su commissione, vale a dire quello dell’attivista per il benessere degli animali che ne aveva criticato la condotta. Neanche a dirlo, negli States quella storia così appetibile era diventata una serie Netflix: “Tiger King: Murder, Mayhem and Madness”. In sunto: l’accusa ha sostenuto che Tiger King abbia provato ad ingaggiare due persone, fra cui addirittura un agente dell’Fbi sotto copertura, per uccidere Baskin.

Fan accalcati nell’aula del tribunale con magliette a tema: “Liberate Tiger King”

Lui si è sempre difeso dicendo che era tutta una montatura messa in piedi contro il suo modo bizzarro di interagire con le belve. E Maldonado-Passage ha diversi fan, molti dei quali si sono accalcati in aula invocandone la libertà ed indossando magliette a tema.

La “seconda possibilità” negata a Tiger King: “Non lasciatemi morire in galera”

Tiger King era stato condannato ma un un tribunale federale aveva disposto la riduzione della pena per un difetto procedurale. Perciò ad Oklahoma City si era tenuta una nuova udienza. In quella sede Tiger King, che ha un tumore, aveva chiesto una seconda possibilità: “Non lasciatemi morire in prigione”. Ma quelle era un’udienza di rideterminazione della pena, non di merito sulla sua applicabilità, e il giudice ha solo “scalato” da 22 a 21 anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli