Italia markets close in 6 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    27.310,06
    +191,32 (+0,71%)
     
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.606,46
    -79,01 (-0,29%)
     
  • Petrolio

    78,20
    +1,06 (+1,37%)
     
  • BTC-EUR

    21.575,88
    +19,55 (+0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,84
    +8,88 (+1,69%)
     
  • Oro

    1.898,00
    +13,20 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,0755
    +0,0024 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     
  • HANG SENG

    21.283,52
    -15,18 (-0,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.230,39
    +21,08 (+0,50%)
     
  • EUR/GBP

    0,8889
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9879
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4375
    +0,0011 (+0,07%)
     

La Corte internazionale di giustizia mette d'accordo Cile e Bolivia

La Corte internazionale di giustizia non si pronuncia e archivia così una delle ultime dispute tra Cile e Bolivia. Con un verdetto non appellabile, il più alto organo giudiziario delle Nazioni Unite ha decretato di "non essere chiamato a prendere alcuna decisione", di fatto ribadendo il carattere internazionale - ormai peraltro riconosciuto da entrambi i Paesi - del fiume Silala.

Il corso d'acqua attraversa per quattro chilometri il territorio boliviano, prima di sconfinare in quello cileno. All'origine della controversia l'accusa dell'ex presidente Morales, che sosteneva Santiago avesse deviato il corso del fiume per sfruttarne le acque. La rivendicazione prendeva le mosse dal fatto che, negli anni '20, una parte del fiume era stata incanalata artificialmente da una società ferroviaria.

AP Photo
La Corte internazionale di giustizia ha di fatto riconosciuto il carattere internazionale del fiume Silala - AP Photo

Fin dal 2016 il Cile aveva replicato, rivendicando il carattere internazionale del Silala davanti alla stessa Corte internazionale di giustizia. Quest'ultima ha ritenuto che la maggior parte delle rivendicazioni e delle questioni fossero già state risolte e accolto con favore la buona volontà delle parti nello sciogliere i nodi restanti. In questo pronunciamento Santiago vede quindi ora riconosciute le sue rivendicazioni e La Paz l'assoluzione dalle accuse cilene di aver violato il diritto internazionale.