Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.578,18
    -18,16 (-0,05%)
     
  • Nasdaq

    10.946,12
    -68,77 (-0,62%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0505
    +0,0036 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    16.011,88
    -299,40 (-1,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,64
    -7,39 (-1,84%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • S&P 500

    3.931,25
    -10,01 (-0,25%)
     

La crisi di Credit Suisse, addio gioielli famiglia: vende hotel di lusso

(Adnkronos) - Credit Suisse vuole vendere il Savoy Baur Hotel, un albergo di lusso situato accanto alla sede centrale della banca, sulla Paradeplatz di Zurigo. Secondo il portale Inside Paradeplatz, che per primo ha dato la notizia, si tratta dell'ultimo grande immobile ancora di proprietà dell'istituto, escludendo la sede.

"Credit Suisse valuta regolarmente il proprio portafoglio immobiliare nell'ambito della propria strategia complessiva e, in tale contesto, la banca si è impegnata ad avviare il processo di vendita del Savoy", ha confermato all'agenzia Awp una portavoce del gruppo. "Valuteremo attentamente tutte le offerte e i possibili acquirenti".

Il Savoy, albergo a cinque stelle gestito dal gruppo internazionale Mandarin Oriental, è attualmente chiuso per ristrutturazione: dovrebbe riaprire i battenti nel 2024. Stando a Inside Paradeplatz la banca avrebbe fatto un'offerta al miliardario Götz Bechtolsheimer, che gestisce anche il gruppo di hotel di lusso Tschuggen. La vendita potrebbe apportare 400 milioni di franchi. Sempre secondo Inside Paradeplatz la cessione mostrerebbe quanto venga reputata difficile la situazione di Credit Suisse. Se dovesse andare in porto l'operazione l'istituto avrebbe praticamente venduto tutti i suoi gioielli di famiglia.

In borsa intanto l'azione CS si conferma volatile: oggi nella prima ora di contrattazione guadagna oltre il 3%, salendo a circa 4,24 franchi. Ieri aveva invece perso il 4% e lunedì aveva toccato un minimo di sempre a 3,52 franchi. Oggi in pratica in mani prevalentemente straniere, Credit Suisse - l'attuale ragione sociale del gruppo risale al 1997 - è stato a lungo un simbolo della Svizzera moderna: la banca venne infatti fondata nel 1856 a Zurigo quale Schweizerische Kreditanstalt (Credito Svizzero, CS) da Alfred Escher (1819-1882), l'imprenditore che come noto ebbe un ruolo di primissimo piano anche nella costituzione di altri pilastri epocali elvetici quali il Politecnico federale e la ferrovia del San Gottardo.