Italia markets open in 7 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.748,14
    -253,38 (-0,94%)
     
  • EUR/USD

    1,0735
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    27.620,21
    +288,77 (+1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    655,31
    -0,52 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    20.112,10
    -357,96 (-1,75%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     

La deputata conservatrice britannica Ghani accusa: "Fuori dal governo perché musulmana"

·1 minuto per la lettura

AGI - Una deputata conservatrice britannica, Nusrat Ghani, 49 anni, ha affermato di essere stata rimossa dal suo incarico di sottosegretaria ai Trasporti nel 2020 perché è musulmana.

Lo ha rivelato il quotidiano Sunday Times. Ghani è stata sostituita in un rimpasto voluto dal premier Boris Johnson.

Ghani ha raccontato di aver saputo da fonti del partito che alcuni colleghi si sentivano a disagio perché era musulmana, questione che sarebbe stata sollevata in un incontro nella residenza di Johnson, aggiunge il domenicale.

"Mi sono sentita umiliata e indifesa", ha commentato Ghani, la quale ha ammesso di aver deciso di non dire nulla di questa situazione dopo essere stata avvertita che la sua carriera e la sua reputazione sarebbero state "distrutte" se ne avesse parlato.

"Quando il primo ministro mi ha detto che voleva che lasciassi il governo sono rimasta sorpresa ma ho capito che era la realtà della politica", ha aggiunto.

Poco dopo, la deputata del collegio elettorale di Wealden (Inghilterra meridionale), ha appreso che essere musulmana si era rivelato un problema quando ha chiesto a un funzionario del partito, secondo i media Mark Spencer, i motivi per cui era stata sostituita. Spencer ha definito le affermazioni di Ghani "totalmente false e diffamatorie".

La parlamentare ha anche rivelato di essere stata criticata per non essere stata fedele al partito non impegnandosi abbastanza per difendere la formazione dalle accuse di islamofobia.

Due anni fa, un rapporto su presunti casi di islamofobia nel Partito conservatore ha analizzato più di 1.400 denunce, ma non ha trovato prove di "islamofobia istituzionalizzata".

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli