Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    29.554,31
    +742,48 (+2,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

La Fiei chiede la firma digitale per gli italiani all’estero

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 giu. (askanews) - La Fiei - Federazione Italiana Emigrazione Immigrazione, richiamando l'impellente necessità di un organico adeguamento e digitalizzazione della rete consolare, si unisce all'appello formulato all'Associazione Luca Coscioni e chiede al ministro per l'innovazione tecnologica Vittorio Colao di introdurre la firma digitale come strumento per ampliare e semplificare la partecipazione politica di tutti i cittadini, inclusi gli italiani all'estero.

Nella nota diffusa in proposito, la Fiei segnala di condividere l'appello formulato dal co-presidente dell'Associazione Luca Coscioni, Marco Gentili, che ha chiesto di inserire nel decreto Semplificazioni quanto necessario a garantire il pieno godimento dei diritti politici per tutti i cittadini.

La Federazione si riferisce in particolare alla necessità di aggiornare le procedure per la raccolta delle firme per referendum e iniziative popolari, rilevando come "con lo scoppio della pandemia, raccogliere le sottoscrizioni autenticate su moduli cartacei e le altre pratiche necessarie, è divenuto oltremodo difficoltoso se non a volte impossibile, sia per chi risiede in Italia che per gli italiani all'estero, dove gli effetti delle restrizioni e la necessità di protezione degli operatori consolari si sono aggiunti ad una situazione di carenza degli organici e all'insufficienza di risorse della nostra rete consolare, che dura da oltre un decennio". Roma, 22 giu. (askanews) - "Oggi gli organici della rete sono quasi la metà di 15 anni fa, quando gli italiani all'estero erano poco più di 3 milioni - sottolinea la Fiei, segnalando come attualmente "secondo le stesse anagrafi consolari, sono oltre 6,3 milioni i cittadini italiani che vivono fuori dai confini, titolari di diritti e ai quali i consolati dovrebbero essere in grado di erogare una ampia tipologia di servizi". "Tra questi - rileva la nota - anche quelli relativi ai diritti di partecipazione in occasione di iniziative referendarie e popolari, dell'elezione dei Comites, e in tutte le altre occasioni in cui deve essere certificata l'identità e la firma dei connazionali".

"Il Forum delle associazioni degli italiani nel mondo (Faim) ha recentemente richiamato il Governo e i diversi ministri interessati a inserire l'adeguamento della rete consolare tra gli obiettivi primari della Riforma della Pubblica Amministrazione sia per ciò che concerne l'implementazione degli organici, sia per quanto attiene alla Digitalizzazione dei servizi, come previsto da due delle missioni del PNRR. Roma, 22 giu. (askanews) - Tuttavia, senza attendere i tempi probabilmente non immediati di queste misure, vi sono interventi che possono sensibilmente migliorare la situazione come quella richiamata dall'Associazione Luca Coscioni, sulla firma digitale per le iniziative referendarie e di iniziativa popolare, applicabile anche per le procedure previste per le prossime elezioni dei Comites (approntamento delle liste e presentazione dei candidati) che altrimenti risulterebbero particolarmente complesse se non impossibili in molti contesti territoriali - sottolinea la Fiei, che ritiene "l'introduzione della firma digitale per sottoscrivere le proposte di referendum, ma anche per apporre le sottoscrizioni alle liste per le elezioni politiche, per il rinnovo delle elezioni dei Comites, anche in compresenza con le procedure attuali", "una semplificazione importante per favorire la partecipazione degli italiani all'estero alla vita civile e politica, soprattutto se questa innovazione venisse anticipata al 2021, come chiesto dall'associazione Luca Coscioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli