Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.726,97
    -358,88 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

La Juventus chiude il bilancio 2021/2022 con un perdita di 254,3 milioni

Miguel MEDINA / AFP

AGI - La Juventus ha chiuso il bilancio 2021/2022 con una perdita consolidata di 254,3 milioni di euro, in crescita rispetto al rosso di 209,9 milioni dell'esercizio precedente. Nel dettaglio, spiega una nota, l'incremento della perdita dell'esercizio - pari a 44,4 milioni - è principalmente dovuto a minori ricavi per 37,3 milioni per un totale di 443,4 milioni.

Il calo del fatturato, sottolinea il comunicato, è originato da minori diritti televisivi e proventi media per 64,8 milioni (soprattutto per effetto del minor numero di partite di Campionato e Uefa Champions League rispetto all'esercizio 2020/2021, che beneficiava dello spostamento di alcune partite dalla stagione 2019/2020), parzialmente compensati da maggiori ricavi da gare per 24,5 milioni (seppur ancora significativamente penalizzati dalla pandemia) e da altre voci minori.

La Juventus si attende comunque che il risultato economico e il cash-flow operativo dell'esercizio 2022/2023, "pur influenzati dal contesto economico, finanziario e politico non favorevole" risulti in sensibile miglioramento rispetto a quelli dell'esercizio 2021/2022, ancora penalizzato in misura significativa dagli effetti diretti e indiretti della pandemia da Covid-19.

Il miglioramento atteso - non tale, al momento, da far prevedere il raggiungimento del break-even già dall'esercizio in corso - deriva anche dalle incisive azioni di sviluppo dei ricavi e di razionalizzazione dei costi impostate a partire dall'esercizio 2020/2021 e aventi efficacia nel medio periodo", conclude la nota.