Italia markets close in 4 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    22.997,99
    +27,26 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.868,91
    -2,87 (-0,01%)
     
  • Petrolio

    88,88
    -0,53 (-0,59%)
     
  • BTC-EUR

    23.755,73
    -291,82 (-1,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    572,46
    -18,30 (-3,10%)
     
  • Oro

    1.790,10
    -8,00 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0136
    -0,0029 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     
  • HANG SENG

    19.830,52
    -210,34 (-1,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.799,92
    +10,30 (+0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,8426
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CHF

    0,9632
    +0,0021 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,3083
    -0,0021 (-0,16%)
     

"La Marmolada resterà per sempre la Regina delle Dolomiti"

Enrica Scalfari / Agf

AGI - Cala la notte sul Passo Fedaia, la seconda dopo la strage degli escursionisti - almeno 7 morti e 13 dispersi - spazzati dal crollo del seracco della calotta del ghiacciaio sommitale di Punta Rocca sulla Marmolada, la 'Regina delle Dolomiti', la montagna simbolo delle Alpi orientali. La temperatura è di 4-5 gradi.

Aurelio Soraruf, proprietario del rifugio Castiglioni e da anni gestore della Capanna Punta Penia ai margini del ghiaccio, racconta all'AGI le sue impressioni dopo aver udito e visto la valanga. "Verso le 14 ho sentito un forte rumore e alzando la testa abbiamo visto questa massa di ghiaccio venir giù dalla cresta di Punta Rocca. Sapendo che andava ad interessare il tragitto della salita alla vetta di Punta Penia, abbiamo subito pensato che stava succedendo qualcosa di molto grave: era evidente anche perché a quell'ora le persone scendono dalla montagna oppure chi era in prossimità del ghiacciaio per godersi il panorama".

Soraruf vive in questo posto da 50 anni "mai vista - spiega - una tragedia di queste dimensioni con un simile distacco di ghiaccio. Lo sci estivo a Pian dei Fiacconi non esiste più da 25 anni mentre nel ghiacciaio superiore tutto è finito nel 2004".

In mattinata Soraruf è salito in quota in elicottero per chiudere, forse definitivamente, il rifugio Capanna Punta Penia. "Sono andato a chiudere la Capanna per portare a valle ciò che poteva deperire e il pensiero è stato: chissà quando ritorneremo".

Soraruf ricorda un convegno del 2018. "Eravamo qui al passo Fedaia con i glaciologi di tutta Italia e dicevano che nell'arco dei prossimi vent'anni il ghiacciaio non ci sarebbe più stato, se non saranno 20, saranno 25 oppure 15 ma basta vedere la velocità di arretramento. La cabinovia non funziona più, il rifugio Pian dei Fiacconi e la stazione a monte dell'impianto nel dicembre 2020 sono stati investiti da una valanga".

Rispondendo alla domanda se questa tragedia cambierà il turismo sulla Marmolada, Soraruf ha dett: "La Marmolada resterà per sempre la 'Regina delle Dolomiti' e per chi ha esperienza non è una montagna difficile da salire".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli