Italia Markets close in 1 hr 32 mins

La nuova economia sovranista (con Savona)

Alessandro De Angelis
Provate a domandare a fonti leghiste perche, arrivati a questo punto, Salvini

Provate a domandare a fonti leghiste perché, arrivati a questo punto, Salvini non indica all'Economia Giorgetti, tanto per fare un nome che non avrebbe problemi al Colle. In una trattativa normale sarebbe la soluzione naturale. In fondo è pur sempre un leghista e consentirebbe la nascita del governo. È accaduto più volte che la lista dei ministri, una volta approdata al Colle, ne uscisse cambiata, senza per questo che venisse scatenato l'inferno di un conflitto istituzionale, con i partner di governo che scaricano le responsabilità sul capo dello Stato e invocano le elezioni anticipate. La risposta, alla ovvia domanda, è questa: "Giorgetti, o altri, sono troppo establishment".

Ecco troppo establishment. E allora, si pone la domanda: ma davvero Salvini è disposto, o, a questo punto, vuole mandare tutto all'aria per Savona? La risposta è sì. Non siamo di fronte a una semplice impuntatura, con le sue effervescenze, attorno a un nome della compagine di governo, in una casella sia pur importante come l'Economia, su cui il capo dello Stato, che ha il potere di "nomina", esprime le sue perplessità che, normalmente, vengono recepite, indicando un altro nome, come accaduto svariate volte nella storia dell'Italia repubblicana. La forte tensione, diciamo le cose come stanno, è di "sistema". E per questo lo investe in tutti i suoi aspetti. Politici. Economici. Istituzionali, prefigurando un conflitto col Quirinale. Perché il punto non è il nome di Paolo Savona, ma una linea. E in questo caso il nome "è" una linea". Anzi, una nuova linea di politica economica incarnata da Savona e da altri economisti euroscettici, fascinosamente presentata come l'inizio di una "era economica sovrana".

Stiamo parlando di un impianto profondo, strutturato, su cui c'è tutta una letteratura sviluppatasi in questi anni, oltre all'ultimo libro di Savona sul "piano B", ultimo denso esempio di un'ampia letteratura, italiana e internazionale. Andando a scartabellare tra la produzione...

Continua a leggere su HuffPost