Italia markets open in 6 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.521,29
    -120,54 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    32.414,08
    -1.027,26 (-3,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,55
    -4,89 (-0,52%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

"La paura per l'inflazione non farà alzare i tassi d'interesse", dice Powell

·4 minuto per la lettura

AGI - Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha riaffermato in audizione davanti al Joint Economic Committee del Congresso, l'intenzione della banca centrale degli Stati Uniti d'incoraggiare una ripresa "ampia e inclusiva" del mercato del lavoro e di non aumentare i tassi d'interesse troppo rapidamente basandosi solo sulla paura di un'inflazione in rialzo. 

"Non alzeremo i tassi preventivamente perché temiamo il possibile rialzo dell'inflazione. Aspetteremo prove dell'inflazione effettiva o di altri squilibri", ha detto Powell, ribadendo che si tratta di un "aumento temporaneo". I recenti aumenti dei prezzi "non parlano di un'economia tesa nella sua totalità. Ciò richiederebbe tassi d'interesse più elevati - ha spiegato il numero uno della Fed - ma provengono da categorie direttamente colpite dalla riapertura" dell'economia. 

"Un'inflazione al 5% non è accettabile", ha puntualizzato. E ha spiegato: "Buona parte dell'inflazione arriva dai settori più colpiti" dalla pandemia di Covid, e ha ribadito che si tratta di un aumento "temporaneo" che svanirà nel tempo. Ho fiducia - ha detto incalzato dalle domande - che si tratta di un'inflazione transitoria". Ma allo stesso tempo ha ammesso: "È difficile dire quando questo aumento legato alla pandemia si raffredderà". 

"Una parte piuttosto sostanziale, o forse tutto il superamento dell'inflazione, proviene da categorie che sono direttamente interessate dalla riapertura dell'economia come auto e camion usati", ha detto ancora rispondendo a una domanda.

Powell ha quindi riconosciuto l'incertezza intorno a questa visione: "Dirò che questi effetti sono stati maggiori di quanto ci aspettassimo e potrebbero rivelarsi più persistenti di quanto ci aspettassimo", ha sottolineato. 

Nel definire l'imminente politica monetaria, il capo della Fed ha anche affermato che la banca centrale manterrà gli occhi puntati su un ampio insieme di statistiche sul mercato del lavoro.

"Non esamineremo solo i numeri della disoccupazione - ha assicurato Powell alla Commissione della Camera sulla risposta al Covid - esamineremo tutti i tipi di misure. Questa è la cosa più importante che possiamo fare" per garantire che "i benefici della ripresa siano condivisi nel modo più completo", ha detto.

I legislatori hanno insistito con Powell su come la Fed stia bilanciando i crescenti rischi d'inflazione con la sua promessa di garantire che l'economia recuperi tutti i posti di lavoro persi dopo l'inizio della pandemia. "Abbiamo un'occupazione instabile e un'inflazione più elevata", ha affermato il rappresentante Jim Jordan, un repubblicano dell'Ohio, riferendosi agli obiettivi della Fed imposti dal Congresso di garantire la massima occupazione e prezzi stabili. 

"Qualcosa si deve dare", ha ripetuto. In effetti, fino a non molto tempo fa c'era poco conflitto su quegli obiettivi. Ma dall'ultima volta che Powell è apparso davanti alla Commissione a settembre le prospettive per l'inflazione della banca centrale sono raddoppiate. Le proiezioni pubblicate dalla Fed la scorsa settimana hanno mostrato che i prezzi nel 2021 dovrebbero aumentare a un tasso del 3,4%, rispetto all'1,7% previsto a partire dallo scorso settembre. 

La recente crescita dell'occupazione, nel frattempo, è stata più lenta di quanto sperato, con alcuni colleghi di Powell che ora suggeriscono apertamente che la pandemia abbia spinto così tante persone ad andare in pensione che potrebbe essere irrealistico pensare che l'economia possa tornare al livello di occupazione pre-crisi prima che la Fed inasprisca la politica monetaria.

E questa è una posizione lontana dall'obiettivo di Powell di un ritorno dell'economia alle condizioni d'inizio 2020, e da quello dell'influente presidente democratico della commissione James Clyburn, rappresentante della Carolina del Sud, che oggi ha spinto Powell ad assicurare una ripresa equa dei posti di lavoro che includesse i membri delle comunità nere e ispaniche. "C'è molto lavoro da fare", ha incalzato Clyburn, che ha stretti legami con il presidente Joe Biden. 

Il panorama economico è cambiato radicalmente dall'ultima testimonianza di Powell e nella riunione di politica monetaria della settimana scorsa i funzionari della Fed hanno dato la loro risposta. I membri del Fomc hanno previsto che potrebbero aumentare i tassi d'interesse già nel 2023, un anno prima del previsto, e Powell ha detto in conferenza stampa che la banca centrale sta iniziando a parlare di quando ridurre i suoi 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di titoli di Stato e titoli utilizzati per sostenere la ripresa.

Powell ha detto ai giornalisti che l'economia "è ancora lontana" dai progressi nella riassunzione che la Fed ha affermato di voler vedere prima di apportare modifiche alla propria politica monetaria, segnale che i tempi di un effettivo cambiamento restano nell'aria. Ma il cambiamento di tono e le proiezioni hanno sorpreso i mercati, che ora guardano attentamente alle mosse della Fed per mantenere le promesse sul fronte dell'occupazione. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli