Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,06 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    46.689,45
    -4.855,60 (-9,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8654
    -0,0029 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,1016
    -0,0017 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4977
    -0,0033 (-0,22%)
     

La settimana dei mercati. Riunione OPEC, dati USA, Economic Forum

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

L’ultima settimana di marzo dei mercati finanziari inizia con importanti accadimenti finanziari che sarà bene seguire attraverso il Calendario economico ed annotare nella propria agenda.

In parentesi, degno di nota è la liberazione parziale del Canale di Suez occorsa durante le notte grazie al rimorchiatore italiano Carlo Magno e al rimorchiatore dei Paesi Bassi Alp Guard. La navigazione delle 370 navi in attesa potrà presto ripartire.

Per quanto riguarda la settimana dei mercati, il 30 marzo si parte con il Consiglio di stabilità finanziaria del Federal Reserve System (Fed), dove è previsto l’intervento del vicepresidente Randal Quarles.

Il 31 marzo da registrare il World Economic Forum a Ginevra che si concentrerà sul Global Gender Gap.

L’1 aprile, invece, sarà la volta dell’incontro tra i ministri OPEC e non OPEC, il 15° meeting ministeriale si svolgerà in videoconferenza a causa delle misure anti-Covid in essere in Austria come in altri contesti mondiali.

Sono attesi anche vari dati macroeconomici, alcuni dei quali provenienti dagli Stati Uniti. Dati che, secondo alcuni analisti, potrebbero arrestare il trend ribassista dei rendimenti. Tuttavia il dollaro USA è atteso restare forte, sorretto dai dati sull’andamento del mercato del lavoro negli USA, ma anche a causa di un ritardo significativo della ripresa dell’economia europea rispetto agli USA: nell’euro zona pesano il rallentamento della campagna vaccinale e i diffusi lockdown nazionali.

Settimana dei mercati: nervosismo sul comparto valute

In questa ultima settimana dei mercati di marzo, si attende un po’ di nervosismo sul settore delle valute appunto per i dati che verranno diffusi nei prossimi giorni negli USA.

Per quanto riguarda invece il mercato dei titoli azionari europei, la ripresa viene giudicata più lenta a causa del recupero a singhiozzo che vivono molti Paesi europei.

Chi opera sui seguenti mercati finanziari, tenga presente le festività che tengono chiuse le rispettive Borse:

  • Israele dal 28 marzo all’1 aprile per la Pasqua Ebraica;

  • India il 29 marzo;

  • Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Hong Kong, India, Israele, Spagna e USA il 2 di aprile.

Dati macroeconomici da seguire

Ed ecco una sintesi dei dati macroeconomici da seguire in questa ultima settimana dei mercati di marzo.

  • 29 marzo: l’indice dei prezzi delle case nel Regno Unito;

  • 30 marzo: vendite delle case al dettaglio in Giappone; l’indice deip rezzi alla produzione e quello dei prezzi al consumo in Spagna; indice della fiducia dei consumatori nell’eurozona e il sentiment del settore industriale e dei servizi; l’indice dei prezzi al consumo in Germania; il rapporto sulla fiducia dei consumatori negli USA.

  • 31 marzo: attesi i dati PMI manifatturiero e non manifatturiero della Cina, quello dei direttori degli acquisti e l’inflazione; attesi i dati sull’inflazione nell’eurozona; l’inflazione armonizzata per la Francia; dati Eia negli USA sulle scorte e la produzione di petrolio; il Pil del Regno Unito del quarto trimestre 2020.

  • 1 aprile: Caixin PMI manifatturiero della Cina; PMI manifatturiero dell’eurozona; dato Ism manifatturiero degli USA; vendite al dettaglio e indice dei direttori degli acquisti del manifatturiero in Germania.

I dati dell’Italia

Occhi puntati a martedì, quando l’Istat pubblicherà i dati sui prezzi alla produzione industriale e delle costruzioni di febbraio.

Mentre mercoledì arriveranno i dati sui prezzi al consumo di marzo.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: