Italia markets open in 5 hours 39 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.645,23
    -177,06 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    26.785,92
    +129,76 (+0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    657,73
    -19,17 (-2,83%)
     
  • HANG SENG

    29.773,97
    -385,04 (-1,28%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

La situazione covid nella Regione del Nord Est

·2 minuto per la lettura
Covid Zaia Rt Veneto
Covid Zaia Rt Veneto

In Italia ci si prepara al nuovo dpcm, quello che conterrà le misure e le regole da seguire durante le feste le Natale, e si guarda sempre al livello di rischio dei vari territori. A preoccupare è in particolare il Veneto per stessa ammissione del presidente Luca Zaia: “L’Rt del Veneto – dice il leghista – è 1,20 che sarebbe stato virtuoso due settimane fa, oggi è tra i più alti a livello nazionale. Se ci mettiamo poco impegno nel distanziamento sociale, è inevitabile che l’Rt si alzi. E quindi passiamo ad un colore diverso di zona“. Il Veneto rischia dunque di scivolare in zona arancione, con l’amministrazione locale che proverà a fare di tutto per evitarlo. Oltre all’indice Rt nel territorio sale ancora la pressione sui ricoveri in ospedale con i pazienti covid in area medica che sono 2.608 (+26), mentre quelli in terapia intensiva 339 (+8).

Covid Zaia Rt Veneto

C’è poi l’annoso tema delle piste da sci. Le Regioni dell’arco alpino chiedono di poter riaprire le proprie strutture per salvare il turismo e il fatturato. In tal senso però il governo centrale sembra aver preso ormai una decisione netta e decisa sul no allo sci, almeno durante il periodo natalizio. La proposta che i territori interessati intendono avanzare è quella di aprire gli impianti solo a coloro che hanno una seconda casa e sono ospiti di alberghi.

L’ipotesi piace a Marco Michielli, presidente veneto di Confturismo e di Federalberghi, che ha detto: “Per l’ennesima volta si dimostra che la vicinanza delle regioni autonome, e non, alle esigenze della popolazione e dell’economia marciano a una velocità diversa da quella a cui viaggiano le istituzioni romane. Bene hanno fatto gli assessorati di tutte le regioni alpine a unirsi per formulare una proposta che riteniamo seria e soprattutto praticabile“.