Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2134
    +0,0051 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    30.156,38
    -16,61 (-0,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    726,52
    +11,33 (+1,58%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

La sneaker B27 di Dior è il simbolo del classico contemporaneo

Di Vito de Biasi
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy Dior
Photo credit: Courtesy Dior

From Esquire

Se il punto era trovare un altro modo di tradurre il savoir-faire sartoriale della Maison in qualcosa di desiderato e contemporaneo, per Kim Jones, direttore creativo di Dior Men, non c’erano dubbi. La risposta era una sneaker. E la B27, spiega "è parte della tradizione sartoriale di Dior", così piena di dettagli che sembrano venuti fuori dalle petites mains di quelle sarte che con le loro mani appunto rendevano speciali le creazioni di monsieur Christian, il cui archivio è per Jones un tesoro dove continuare a pescare.

Photo credit: Courtesy Dior
Photo credit: Courtesy Dior

Per questa raffinata sneaker (disponibile già da novembre) si è fatto ricorso all’eccellenza nella lavorazione dei tessuti, nelle cuciture e nei particolari, come il motivo Dior Oblique disegnato per la collezione primavera estate 2021 e applicato al laser su un dettaglio jacquard ai lati della scarpa. Senza dimenticare i codici della Maison distribuiti lungo tutta la silhouette, come gli occhielli modellati sul logo CD o il nome Dior impresso sul tallone e inscritto sulla suola. Ma non è tutta solo tradizione della casa, con Kim Jones non lo è mai. La B27 è realizzata in tre colori (nero, bianco o grigio) e due silhouette, alta e bassa, con la versione alta che rievoca le linee delle sneakers anni Ottanta indossate nel mondo dello skate e la versione bassa che cita apertamente quello del tennis.

Photo credit: Courtesy Dior
Photo credit: Courtesy Dior

Una sneaker paradossale, a metà strada tra sartoriale e sportivo, come tutto quello che Jones realizza per Dior: "Sono le scarpe perfette da indossare con un completo", sintetizza lui. Potremmo vedere la B27 come un altro tentativo di definire il classico moderno, che Jones descrive così: "Un look che parte come sempre dal tailoring ma incorpora elementi ed esigenze contemporanee, come la funzionalità e la comodità, da sempre importantissimi per gli uomini e oggi ancora di più".

Photo credit: Courtesy Dior
Photo credit: Courtesy Dior

Ecco il motivo per cui anche una sneaker viene prodotta come se fosse il più prezioso degli accessori di pelletteria, facendo appello a tutti gli sneakerhead che cercano la qualità e il pezzo raro da collezionista, ma rivolgendosi anche a una clientela fedele che da tempo ha incorporato lo sportswear nei suoi look più formali. "Gli uomini di oggi cercano capi che li facciano sentire eleganti ma comodi", continua Jones. "Tutti ormai hanno un atteggiamento più rilassato e vogliono di conseguenza un guardaroba, leggero, pratico e facile da indossare". A questo punto, con l’avvento del classico moderno, viene da chiedersi che fine farà il classico formale, nel caso qualcuno avesse intenzione di restare al di qua della tradizione: "Quel tipo di look ci sarà sempre", assicura Kim Jones. "E la riprova è che larga parte del mondo del lavoro continua a richiederlo".

Photo credit: Courtesy Dior
Photo credit: Courtesy Dior

Anche quel rigore che credevamo immutabile è cambiato però, e non solo per le ibridazioni con lo sportswear da parte di chi non rinuncia all’eleganza: "La silhouette più di successo in casa Dior è ancora quella molto slim", osserva Jones. L’estetica skinny prima, e l’egemonia di sportswear e streetwear poi, potrebbero dunque aver cambiato l’abbigliamento maschile per sempre, e l’onnipresenza delle sneakers ne è la prova lampante.

Questo articolo compare anche nel numero 12 di Esquire Italia in edicola dal 25 novembre, dedicato al nuovo classico.