Italia markets close in 7 hours 18 minutes
  • FTSE MIB

    24.000,25
    -48,04 (-0,20%)
     
  • Dow Jones

    32.196,66
    +466,36 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    11.805,00
    +434,00 (+3,82%)
     
  • Nikkei 225

    26.547,05
    +119,40 (+0,45%)
     
  • Petrolio

    109,14
    -1,35 (-1,22%)
     
  • BTC-EUR

    28.481,55
    -304,88 (-1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    665,12
    -15,99 (-2,35%)
     
  • Oro

    1.791,30
    -16,90 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,0418
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    4.023,89
    +93,81 (+2,39%)
     
  • HANG SENG

    19.929,58
    +30,81 (+0,15%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.678,43
    -24,99 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8516
    +0,0024 (+0,29%)
     
  • EUR/CHF

    1,0469
    +0,0042 (+0,40%)
     
  • EUR/CAD

    1,3472
    +0,0033 (+0,25%)
     

La storia dei 13 migranti espulsi ma 'prigionieri' in Italia perché senza il Green pass

·1 minuto per la lettura

AGI - Espulsi dall'Italia non possono lasciare il Paese perché privi di vaccino e di super green pass.

È la storia di 13 migranti, tra cui gambiani e senegalesi, tutti uomini, che sono rimasti a Siracusa e da giorni, per ripararsi, si sono accampati dentro un parcheggio coperto, a Ortigia, nel suggestivo centro storico della città.

Della vicenda è stato informato il Comune di Siracusa che, grazie a un'associazione di Protezione civile, ha allestito una tendopoli in un'area parcheggio in via Augusto von Platen, nella zona nord della città.

"Dalle informazioni in nostro possesso – dice l'assessore alle Politiche sociali del Comune di Siracusa, Concetta Carbone – i migranti, dopo essere scesi dalla nave per la quarantena, hanno ricevuto il decreto di espulsione ma non avendo il green pass non hanno potuto prendere alcun mezzo. Non potevamo lasciarli senza cibo e senza un posto dignitoso dove dormire, per cui ci siamo rivolti alle associazioni per dare assistenza a queste persone".

Un avvocato, dopo aver parlato con i migranti, ha presentato una richiesta di protezione internazionale, "per cui saranno sentiti dalla commissione in seno alla prefettura" spiega il prefetto di Siracusa, Giusi Scaduto, che aggiunge: "Stiamo provando a trovare una soluzione sia per la loro sistemazione sia per sottoporli al vaccino. Sui mezzi pubblici, non possono salire, è, comunque, un problema nazionale e speriamo possa risolversi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli