Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.912,43
    -33,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    14.288,74
    +35,48 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1936
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    27.888,97
    +63,14 (+0,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    796,73
    -13,46 (-1,66%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • S&P 500

    4.248,90
    +2,46 (+0,06%)
     

La Superlega e il doppio binario con l'Uefa: Juve, Real e Barça minacciano sanzioni milionarie

·1 minuto per la lettura

A 20 giorni dalla sua nascita - e dal suo rapido scioglimento - l'onda lunga della Superlega non si placa. Dopo la nota di ieri in merito alla possibile esclusione dalle coppe europee per chi è ancora parte del progetto, a lanciare un'indiscrezione è il New York Times. Secondo il quotidiano statunitense, al centro della vicenda vi sono due lettere. La prima è scritta dall'Uefa, che chiede ai club fondatori di rinunciare al progetto per poi dedicarsi a una vera e completa riforma che rinnovi il sistema calcistico europeo. A Nyon sono già arrivati i sì di sei società, mentre due sarebbero incerte. A non voler abbandonare il piano sono, di contro, Juve, Barcellona e Real Madrid. I quali, continua il NY Times, si basano sulla dimostrazione che le attuali regole del calcio sono incompatibili con le leggi del libero mercato, accusando i club di "violazione materiale" dell'accordo.

Un'accusa che si tramuta presto in minaccia. Perché i tre club pretendono un risarcimento da milioni di euro in sanzioni qualora i club abbandonino il progetto. Entra qui in gioco la seconda lettera, firmata dalle due big spagnole e dai bianconeri: nasce, così, una disputa interna successiva a quella con l'Uefa. La lettera, inoltre, avverte che complicare la situazione dichiarando fedeltà alla Uefa porterebbe a danni significativi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli