Italia markets close in 6 hours 25 minutes
  • FTSE MIB

    27.291,61
    +172,87 (+0,64%)
     
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.606,46
    -79,01 (-0,29%)
     
  • Petrolio

    78,25
    +1,11 (+1,44%)
     
  • BTC-EUR

    21.574,79
    +15,20 (+0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,94
    +8,99 (+1,71%)
     
  • Oro

    1.897,10
    +12,30 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0757
    +0,0027 (+0,25%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     
  • HANG SENG

    21.283,52
    -15,18 (-0,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.227,55
    +18,24 (+0,43%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    0,9872
    -0,0016 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4371
    +0,0007 (+0,05%)
     

La trattativa Atene-Londra sui marmi del Partenone

Il passato coloniale britannico ha prodotto anche le meraviglie del British Museum che britanniche non sono. Il direttore della prestigiosa collezione ha dovuto aprire colloqui segreti col premier greco sulla restituzione delle sculture del Partenone, note come i marmi di Elgin. I marmi furono rimossi dal tempio del Partenone sull'Acropoli di Atene per opera del diplomatico inglese Lord Elgin e fanno parte della collezione del British Museum dal 1816.

Le ultime notizie

Il quotidiano greco Ta Nea riferisce che il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha intrattenuto questi colloqui col presidente del British George Osborne per più di un anno e che i negoziati sono in fase avanzata. Questa è l'ultima svolta nella lunga disputa sulla proprietà delle antiche sculture, che sono state il fulcro della collezione del British Museum.

Il gioco allo scaricabarile

Mesi fa la questione era a un punto morto perché il governo britannico sosteneva che la decisione sulla restituzione dei preziosi marmi spetta al British Museum, mentre il museo replicava che occorre invece un decreto del Parlamento per aprire la "cassaforte" del British. Uno stallo che sembrava fatto apposta per lasciare le cose come stanno e prorogare una disputa plurisecolare.