Italia markets close in 1 hour 45 minutes
  • FTSE MIB

    24.244,37
    -154,04 (-0,63%)
     
  • Dow Jones

    33.759,31
    -56,59 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    13.887,96
    +69,54 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.020,63
    -167,54 (-0,57%)
     
  • Petrolio

    61,42
    -0,01 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    40.298,19
    -5.741,32 (-12,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.113,37
    -10,53 (-0,94%)
     
  • Oro

    1.786,80
    +4,80 (+0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,2073
    +0,0055 (+0,46%)
     
  • S&P 500

    4.144,70
    +9,72 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    29.078,75
    +323,41 (+1,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.985,39
    -29,41 (-0,73%)
     
  • EUR/GBP

    0,8706
    +0,0027 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,1042
    +0,0025 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,5075
    +0,0053 (+0,35%)
     

La view di House of Trading: carta verde per il Dax

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

Nella nona puntata di “House of Trading – Le carte del mercato” Nicola Para ha messo in campo una carta verde sul DAX. Secondo il componente della squadra dei trader, le quotazioni del principale indice di Borsa tedesco sono sostenute dal processo di rotazione settoriale accelerato a novembre 2020 con le prime notizie positive sull’efficacia del vaccino anti-Covid sviluppato da Pfizer e BioNTech. Questo processo lascia indietro i titoli tecnologici che hanno guidato la ripartenza delle azioni a partire da marzo 2020 privilegiando i settori industriali come l’automotive. Para ha ricordato come la Germania sia la principale economia dell’Unione Europea, e come questo venga evidenziato dalle performance stesse del principale listino tedesco, il quale si trova in zona di massimi storici in un contesto in cui l’Eurostoxx 50 non li ha ancora aggiornati. Storicamente infatti il DAX è il paniere azionario più forte in Europa. Per il trader vi è anche una questione relativa alla bilancia commerciale del Paese guidato da Angela Merkel, senza considerare il fatto che ad avere un’influenza positiva saranno anche le politiche democratiche messe in campo dal Presidente USA Joe Biden. A venire favoriti da quest’ultimo elemento saranno i comparti che sono rimasti indietro nell’ultimo periodo penalizzando i titoli tech, i quali sono stati ben difesi dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina tramite una tassazione particolarmente favorevole. Da un punto di vista operativo, la strategia long selezionata da Nicola Para prevede un ingresso a 14.200 punti, presupponendo quindi un movimento correttivo da parte del DAX. Lo stop loss è invece individuabile a ridosso della soglia psicologica dei 14.000 punti, mentre il target a 14.500 punti. Per questa operatività Para ha scelto il Certificato Turbo Long di BNP Paribas con ISIN NLBNPIT10CJ9 e leva finanziaria fissata al momento della trasmissione pari a 4,16. Per quanto riguarda il livello di convinzione, questo è pari a 3 stelle su 5.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 14.200 punti con stop loss a 14.000 punti e target a 14.500 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 11.000,0000 NLBNPIT10CJ9 16/06/21

TURBO LONG 11.500,0000 NLBNPIT10CK7 16/06/21

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 14.000 punti con stop loss a 14.200 punti e target a 13.650 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 16.500,0000 NLBNPIT10WY6 16/06/21

TURBO SHORT 17.000,0000 NLBNPIT11E72 16/06/21

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online